Sci alpino, i favoriti per la Coppa del Mondo di discesa. Svindal e Jansrud in pole, Feuz e Mayer in seconda fila. Occhio a Paris ed ai tedeschi

Il Circo bianco è pronto ad affrontare il primo fine settimana di gare in terra nordamericana e, quindi, vedrà al cancelletto di partenza, dopo lunga attesa, gli uomini-jet impegnati in una discesa libera e in un supergigante. Le gare canadesi di Lake Louise segneranno l’esordio ufficiale delle discipline veloci con la curiosità di capire chi si sarà presentato nel migliore dei modi a questa Coppa del Mondo 2018-2019 e chi, dunque, potrà fare la voce grossa lungo tutto il corso dell’annata. Come sempre la Coppa di specialità in discesa è una delle più ambite del panorama dello sci alpino e vede primeggiare solamente i migliori della classe. Chi saranno, quindi, i favoriti di questa stagione? Sarebbe troppo semplice ed immediato parlare dei due mostri sacri norvegesi Aksel Lund Svindal e Kjetil Jansrud, ma in questa occasione il panorama sembra essere più ampio e meno scontato del solito.

Non va dimenticato, infatti, che nella scorsa annata è stato lo svizzero Beat Feuz ad aggiudicarsi la classifica di specialità, sfruttando una ottima continuità ed i consueti alti e bassi dei rivali. Il 31enne nato a Schangau ha sempre dimostrato di saper piazzare la “zampata” giusta quando ne ha la possibilità, sotto forma di titolo iridato nel 2017 a Sankt Moritz e, come detto, Coppa del Mondo di specialità dodici mesi fa. Nella passata stagione Feuz ha centrato ben tre successi, il primo proprio a Lake Louise, quindi a Wengen e Garmisch. L’obiettivo dell’elvetico sarà confermarsi sin dall’avvio, sulla pista canadese che, come ha ampiamente dimostrato in passato, è nelle sue corde.

La riscossa dei norvegesi arriverà inesorabile? Staremo a vedere. Innanzitutto Aksel Lund Svindal rimane in dubbio per la prima tappa nordamericana. L’infortunio alla mano che si è procurato in allenamento potrebbe non permettere la partecipazione alla prova di Lake Louise al quasi 36enne (spegnerà le candeline il 26 dicembre) che, tuttavia, sta provando il tutto per tutto per presentarsi al cancelletto di partenza. Se il 14 volte vincitore in discesa libera in Coppa del Mondo, sarà in grado di procedere con regolarità nella sua annata, non potrà che essere lui il grande favorito per la graduatoria di specialità. Discorso simile anche per il connazionale Kjetil Jansrud che un anno fa ha chiuso senza nemmeno un successo e vorrà sicuramente rifarsi.

Alle spalle dei primi tre si inserisce la pattuglia di austriaci e tedeschi, tutti rivali decisamente pronti ed agguerriti per emergere nella specialità. Stiamo parlando di Matthias Mayer, Max Franz, Vincent Kriechmayr per i primi, Thomas Dressen e Andreas Sander. Tra questi cinque nomi, ovviamente, sono Matthias Mayer e Thomas Dressen i più attrezzati per poter puntare alla vittoria in ogni appuntamento, con il tedesco che nel 2017-2018 è stato in grado di salire sul gradino più alto del podio a Kitzbuhel e Kvitfjell e sembra pronto al salto di qualità definitivo dopo aver chiuso al terzo posto assoluto. Per quanto riguarda i nostri colori, non sarà facile sognare la Coppa di specialità, ma Dominik Paris è pronto a stupire (quarto un anno fa con il successo di Bormio ad impreziosire lo scenario), con Peter Fill e Christof Innerhofer che, gara per gara, se la possono giocare sempre e comunque.

Si annuncia una stagione quanto mai elettrizzante e combattuta metro per metro in discesa libera. Vedremo sin da Lake Louise chi proporrà la sua candidatura a vincitore della specialità mentre chi sarà in grado di tenersi alla larga da infortuni e cadute, e saprà proporre ottima continuità, potrà davvero pensare al successo finale.

 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS DI SCI ALPINO





alessandro.passanti@oasport.it

Twitter: @AlePasso

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Aksel Lund Svindal cristiano barni / Shutterstock.com

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tennis: a Brisbane una parata di stelle apre il nuovo anno. Da Nadal a Murray, poi anche Svitolina e c’è pure Giorgi

Kimi Raikkonen, GP Abu Dhabi F1 2018: “Non un cambiamento drammatico andar via dalla Ferrari. Ocon vs Verstappen? Sono ragazzi…”