Seguici su

Pallavolo

Volley femminile, Paola Egonu nella storia: RECORD DI PUNTI ai Mondiali, 45 punti contro la Cina!

Pubblicato

il

Paola Egonu riscrive la storia della pallavolo e firma il record di punti messi a segno in una partita dei Mondiali: il nostro opposto, nell’epocale semifinale vinta contro la Cina che è valsa il pass per l’atto conclusivo contro la Serbia, ha piazzato a terra addirittura 45 punti (39 attacchi col 44% in fase offensiva, 5 aces, 1 muro). Il vecchio primato apparteneva alla kazaka Yelena Pavlova (40 punti contro gli USA nel 2006).

La 19enne è stata assoluta protagonista del successo della nostra Nazionale contro le Campionesse Olimpiche, è stata strepitosa per l’intero arco della partita e ha saputo fare la differenza a suon di bordate, sfoderando tutta la sua proverbiale potenza e annichilendo la resistenza delle asiatiche che a lungo andare si sono dovute inchinare al cospetto delle ragazze del CT Davide Mazzanti.

Il fenomeno della pallavolo italiana, ormai diventata una delle più forti giocatrici del mondo (attesissimo il duello di domani contro la serba Tijana Boskovic), ha sigillato l’ennesimo record della sua giovane carriera visto che detiene anche il primato di punti in Serie A (ben 46 due stagioni fa). Con questo risultato, Paola Egonu ha ormai messo in cassaforte la vittoria della classifica marcatrici della rassegna iridata visto che ha 30 punti di vantaggio sull’olandese Lonneke Sloetjes, un ritardo incolmabile quando si devono giocare soltanto le finali.

 

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI:

L’Italia batte la Cina e vola in Finale

Italia-Cina 3-2, le pagelle delle azzurre

VIDEO L’Italia batte la Cina e va in Finale, gli highlights della semifinale

Paola Egonu firma il record di punti in un Mondiale

Italia in Finale per la seconda volta, dal trionfo del 2002 al sogno in Giappone

Italia-Serbia: data, orario e programma della Finale

 





Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *