Ginnastica, Mondiali 2018: Italia senza finali di specialità, non succedeva dal 2005 prima dell’era Ferrari

L’Italia non è riuscita a conquistare nemmeno una Finale di Specialità ai Mondiali 2018 di ginnastica artistica. All’Aspire Dome di Doha (Qatar) le azzurre rimangono a bocca asciutta, solo Lara Mori aveva delle concrete possibilità di accedere all’atto conclusivo al corpo libero ma purtroppo la nostra capitana non ha firmato l’impresa e dunque la nostra Nazionale torna a casa a mani vuote come non capitava dal 2005: dall’avvento di Vanessa Ferrari, infatti, l’Italia era sempre riuscita a strappare un posticino tra le migliori otto in qualche specialità ma questa volta l’obiettivo non è stato raggiunto.

Dal 2002, quando Ilaria Colombo ci riportò nell’artistica che conta con la finale alla trave dopo addirittura 52 anni di digiuno, a oggi solo nel 2003 e nel 2005 avevamo mancato l’appuntamento con la gloria. Ad Aarhus 2006 esplose Vanessa Ferrari che, oltre al trionfo nel concorso generale, conquistò il bronzo al corpo libero e alla trave oltre alla finale alle parallele. A Stoccarda 2007 ci affidammo sempre alla Regina (corpo libero e staggi), a Londra 2009 le sorprese di Serena Licchetta (parallele) ed Elisabetta Preziosa (trave).

Amsterdam 2010 e Tokyo 2011 portano ancora la firma di Vanessa Ferrari che poi conquistò l’argento al corpo libero ad Anversa 2013 quando fu quarta anche alla trave davanti a Carlotta Ferlito. A Nanning 2014 la doppietta della bresciana e di Erika Fasana al quadrato, la comasca si replicò a Glasgow 2015 sul suo attrezzo prediletto.

Stiamo parlando esclusivamente del settore femminile perché al maschile Marco Lodadio è riuscito a qualificarsi alla finale agli anelli (venerdì lotterà per le medaglie), a cinque anni dall’atto conclusivo di Alberto Busnari al cavallo con maniglie.

 





Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Nuoto, Trofeo UniPodiumNuoto 2018: super Ilaria Cusinato nei 200 misti, Gabriele Detti buon test sui 400 sl, assente Gregorio Paltrinieri

Basket, Serie A 2018-2019: Cremona vince sul campo della Virtus Bologna 84-66