Canottaggio, Niccolò Mornati assolto dal Tribunale di Terni: “Assunzione involontaria di anastrozolo”

Niccolò Mornati, canottiere squalificato nel 2016 per due anni per aver assunto anastrozolo (un farmaco ormonale), è stato assolto con formula piena dal Tribunale Ordinario di Terni che era stato chiamato a valutare la vicenda in sede in penale. Il 37enne aveva sempre sostenuto di essere stato vittima di sabotaggio e, a causa di quell’episodio, non era riuscito a partecipare alle Olimpiadi di Rio 2016.

Un danno enorme per l’atleta lombardo che ha però avuto finalmente giustizia, è stato riconosciuta l’assunzione inconsapevole del medicinale e dunque non c’era alcuna intenzione di alterare le prestazioni sportive. Queste le prime dichiarazioni di Mornati come riporta la Gazzetta dello Sport: “Provo sollievo perché sono state riconosciute la mia buona fede e la mia lealtà. Ho sempre avuto alti valori di correttezza sportiva, con questa sentenza voglio mettere la parola fine a questa triste storia“.

 





Foto: Pier Colombo

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
niccolò mornati

ultimo aggiornamento: 04-10-2018


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, Maurizio Arrivabene: “Il mio futuro sarà alla Ferrari, Winnow ispirazione per vincere il titolo”. Smentito un possibile ruolo nella Juventus

F1, GP Giappone 2018: il feudo di Suzuka per la Mercedes, Ferrari per sfatare il tabù e continuare a crederci