Pattinaggio artistico, Junior Grand Prix Canada 2018: Petr Gumennik si impone nel singolo maschile. Tripletta russa nelle coppie di artistico

È calato il sipario alla Minoru Arenas, impianto sportivo della città canadese di Richmond in questi giorni teatro della quarta tappa del circuito Junior Grand Prix 2018-2019 di pattinaggio artistico.

Dopo una gara caratterizzata da continui colpi di scena, il russo Petr Gummenik ha conquistato il gradino più alto del podio nel singolo maschile; quarto dopo il primo segmento di gara, l’atleta allenato da Veronika Daineko è stato protagonista di un buon programma libero in cui ha aperto la performance con l’esecuzione della combinazione triplo axel/triplo rittberger e con il triplo axel singolo, atterrando come ultimi tre elementi (beneficiando dunque del bonus) triplo lutz/triplo toeloop, triplo flip/doppio rittberger/doppio rittberger e il triplo lutz singolo che, insieme alle trottole e alla serie di passi (oltre che a un buon riscontro sulle componenti del programma) hanno permesso al pattinatore di ottenere nel segmento 150.35 (79.21, 71.14) guadagnando 220.04 punti totali.

Al secondo posto si è piazzato l’americano Tomoki Hiwatashi, artefice di una prova in cui ha eseguito correttamente la combinazione quadruplo toeloop/triplo toeloop e il triplo axel, eseguendo nuovamente quest’ultimo elemento con uno step out che non gli ha concesso di poter completare la combinazione, ricevendo dunque la chiamata di ripetizione dal pannello tecnico; l’atleta americano ha così perso il primato conquistato dopo lo short classificandosi in seconda posizione finale con 136.43 nel segmento (65.87, 70.56) per 213.24 punti. Ottima terza posizione con 199.14 per il talento francese Adam Siao Him Fa, protagonista di un bel programma libero valutato 133.29 (70.07, 64.22) in cui ha realizzato, tra i vari elementi, una buona combinazione quadruplo toeloop/triplo toeloop, un triplo axel e un triplo flip presentato come ultimo salto. Gara negativa per il vincitore della tappa di Bratislava Stephen Gogolev, quinto nella classifica finale con 187.67 dopo un programma libero marchiato da tre cadute, rispettivamente nel quadruplo lutz di apertura, nel quadruplo salchow e nel triplo lutz.

Nelle coppie di artistico la classifica è rimasta immutata nel segmento più lungo di gara con la tripletta russa formata da Anastasia Mishina-Aleksander Galliamov (primi classificati con 187.71) seguiti da Apollinariia Panfilova-Dmitry Rylov (secondi con 178.18) e Daria Kvartalova-Alexei Sviatchenko (terzi con 144.32).

CLASSIFICA FINALE JUNIOR INDIVIDUALE MASCHILE

FPl. Name Nation Points SP FS
1 Petr GUMENNIK
RUS
220.04 4 1
2 Tomoki HIWATASHI
USA
213.24 1 2
3 Adam SIAO HIM FA
FRA
199.14 5 3
4 Yuma KAGIYAMA
JPN
194.73 2 6
5 Stephen GOGOLEV
CAN
187.67 7 5
6 Matvei VETLUGIN
RUS
184.78 11 4
7 Iliya KOVLER
CAN
174.60 3 11
8 Beres CLEMENTS
CAN
172.76 9 7
9 Nikolaj MAJOROV
SWE
169.33 10 8
10 Sena MIYAKE
JPN
165.19 8 12
11 Micah Kai LYNETTE
THA
165.13 12 9
12 Peter LIU
USA
158.83 6 15
13 Basar OKTAR
TUR
157.37 14 14
14 Kai Xiang CHEW
MAS
153.28 13 16
15 Rakhat BRALIN
KAZ
150.95 17 10
16 James MIN
AUS
148.61 16 13
17 Harrison BAIN
NZL
144.77 15 17
18 Heung Lai ZHAO
HKG
121.66 18 19
19 Chadwick WANG
SGP
117.94 19 18
20 Muhammad Dwi Rizqy APOLIANTO
INA
96.88 20 20
21 Che Yu YEH
TPE
81.63 21 21

CLASSIFICA FINALE JUNIOR COPPIE DI ARTISTICO

FPl. Name Nation Points SP FS
1 Anastasia MISHINA / Aleksandr GALLIAMOV
RUS
187.71 1 1
2 Apollinariia PANFILOVA / Dmitry RYLOV
RUS
178.18 2 2
3 Daria KVARTALOVA / Alexei SVIATCHENKO
RUS
144.32 3 4
4 Riku MIURA / Shoya ICHIHASHI
JPN
141.40 5 3
5 Feiyao TANG / Yongchao YANG
CHN
135.43 6 5
6 Sarah FENG / TJ NYMAN
USA
134.05 4 7
7 Patricia ANDREW / Paxton FLETCHER
CAN
127.04 7 6
8 Yuchen WANG / Yihang HUANG
CHN
112.21 9 8
9 Chloe PANETTA / Benjamin MIMAR
CAN
112.12 8 9
10 Camille PERREAULT / Bryan PIERRO
CAN
107.85 10 10
WD Hilary Elizabeth ASHER / Luthra NISHCHAY
IND

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: ISU Figure Skating (Facebook Official)

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Arrampicata sportiva, Mondiali 2018: trionfo a sorpresa di Kai Harada nel boulder, Gabriele Moroni 13°

Equitazione, Mondiali 2018: Manuel Cortesi ad un passo dal podio nel reining, l’Italia scivola indietro nel completo, il maltempo stravolge i programmi