MotoGP, scintille tra Jorge Lorenzo e Marc Marquez. Convivenza complessa in Honda dal 2019


Sono impotente e arrabbiato per quello che è successo, con il sorpasso di Marquez non ho potuto affrontare la curva come avrei voluto. Ho dovuto allagare, entrare nella zona sporca dove ho aperto il gas per non perdere troppo terreno e sono caduto. Vediamo se posso correre in Thailandia”.

Queste le parole di un amareggiato Jorge Lorenzo che, caduto ieri al via del GP di Aragon (quattordicesimo round del Mondiale 2018 di MotoGP), non ha perso solo una chance importante per provare a vincere in sella alla sua Ducati ma ha dovuto fare i conti anche con le conseguenze fisiche dell’incidente: dislocazione dell’alluce e microfrattura al metacarpo del piede destro. Un referto medico che apre comunque al possibile recupero in vista del prossimo weekend, previsto tra circa due settimane, ma è chiaro che il senso delle parole del maiorchino non lascia troppo spazio alle interpretazioni.

Di sicuro, guardando il tutto al prossimo campionato, si prospetta una convivenza turbolenta tra il maiorchino e Marc in Honda. L’episodio di ieri potrebbe infatti essere solo il primo di una lunga serie. Il 93 dovrà dunque fare attenzione perché lo spirito di rivalsa di Lorenzo lo conosciamo e già da questi ultimi 5 round ne vedremo delle belle. La Rossa, anche su un tracciato non così adatto alle sue caratteristiche e allo stile di guida di Andrea Dovizioso, ha conteso lo scettro in uno dei feudi del campione di Cervera.

Va da sé che con un Jorge così “motivato” la lotta potrà avere dei toni molto accesi tali da riverberarsi anche nell’annata prossima quando entrambi gli iberici rappresenteranno la scuderia di Tokyo. Ne vedremo delle belle.

ULTERIORI AGGIORNAMENTI

Tregua tra Marquez e Lorenzo





 

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DEL MOTOMONDIALE

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Valerio Origo 

Lascia un commento

scroll to top