Ciclismo, Coppa Agostoni 2018: appuntamento importante in vista del Mondiale, c’è Gianni Moscon


Tempo di classiche italiane come di consueto per il fine estate/inizio autunno del ciclismo. Sabato si aprirà il Trittico Regione Lombardia con la 72ma edizione della Coppa Agostoni. Appuntamento davvero importante per quanto riguarda questo finale di stagione: Davide Cassani, che schiera al via la propria nazionale, dovrà trarre indicazioni fondamentali per quanto riguarda il Mondiale di Innsbruck. Al via anche diverse compagini World Tour: AG2R, Team Sky, Bahrain-Merida e UAE Emirates.

Percorso

Il percorso della 72a edizione della Coppa Agostoni non subisce modifiche rispetto agli anni precedenti, con partenza e arrivo dalla città brianzola di Lissone per un totale di 199 km. Altimetria mossa, priva di alcun metro di pianura dall’inizio alla fine. Dopo i primi 65 chilometri in linea senza particolari pendenze, si affronta per quattro volte il circuito Lissolo, 24,5 km in cui la carovana dovrà scalare nell’ordine le ascese di Sirtori, Colle Brianza e Lissolo. I finisseur potrebbero tentare l’attacco nell’ultima tornata, prima di affrontare un tratto in discesa di oltre 20 km che imbocca a Lissone, dove si transita due volte sul traguardo del tracciato cittadino lungo 9,8 km.

Favoriti

C’è davvero tanta attesa nel rivedere in gara Gianni Moscon dopo i “fattacci” del Tour de France. Il trentino si è allenato in solitaria sullo Stelvio e vuol tornare grande in vista della rassegna iridata, può puntare già al successo. A sfidarlo nomi davvero importanti in casa Italia: Sonny Colbrelli, che due anni fa ha trionfato su queste strade, Damiano Caruso, uno dei probabili titolari in quel di Innsbruck, e i tanti scalatori delle squadre Continental come Bardiani CSF, Androni Sidermec e Nippo Vini Fantini. Da seguire anche Romain Bardet, capitano dell’AG2R.





gianluca.bruno@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Valerio Origo

Lascia un commento

scroll to top