Calcio, annullata la penalizzazione al Parma. Il Caf ribalta la sentenza di primo grado

shutterstock_664918162.jpg

Il Parma non dovrà scontare nessuna penalizzazione nel prossimo campionato di Seria A. Lo ha deciso la Corte federale d’appello, che ha di fatto ribaltato la sentenza di primo grado, derubricando da tentato illecito sportivo a slealtà i messaggi whatsapp che Emanuele Calaiò aveva scambiato con alcuni giocatori dello Spezia prima della partita tra i due club.

È stata quindi alleggerita di conseguenza la squalifica di Calaiò, passata da due anni a cinque mesi (fino al 31 dicembre) ed è stata tolta la penalizzazione di cinque punti al club gialloblù, che dovrà invece pagare un’ammenda di 20 mila euro. Il Parma potrà quindi giocarsi alla pari il campionato, mentre l’attaccante potrà tornare all’attività dal prossimo gennaio.

Questo il commento del club, tramite la voce di Pietro Pizzarotti, membro del consiglio d’amministrazione, come riportato dall’Ansa: “Per due mesi abbiamo letto, ascoltato e sopportato in silenzio dirigenti di altre squadre che hanno voluto cavalcare per fini personali il fango che veniva gettato su questa società e sul traguardo storico che è stato raggiunto grazie al lavoro, alla correttezza, al sudore e al sacrificio di questi anni. Ora siamo contenti che sia stata fatta giustizia”.

 





 

alessandro.farina@oasport.it

Twitter: @Alefarina18

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Dziurek / Shutterstock.com

Lascia un commento

scroll to top