Tour de France 2018, Froome e Thomas vincono il premio fair-play e aspettano Nibali


Vincenzo Nibali è caduto sull’Alpe d’Huez, nella dodicesima tappa del Tour de France a causa di moto della Gendermeria. Lo Squalo si trovava al comando della corsa, in piena lotta per la vittoria, e in quello sfortunato momento stava proprio accelerando per rispondere all’attacco di Chris Froome. La moto ha però buttato a terra il siciliano, che dopo qualche istante di spaesamento per la brutta botta, è tornato in sella e si è messo all’inseguimento dei corridori al comando.

Appena ricevuta la notizia Froome ha fatto una scelta da vero campione, rialzandosi e invitando a fare lo stesso agli altri: Geraint Thomas, Tom Dumoulin e Romain Bardet. Una mossa che dimostra il fair-play del britannico che lo scorso anno si era trovato in una situazione simile sul Mont Ventoux, quando andò a sbattere anche lui contro una moto e proseguì addirittura a piedi per un tratto. Il capitano del Team Sky, ricordandosi probabilmente di quell’episodio, ha deciso, insieme alla maglia gialla Thomas, di aspettare Nibali, diminuendo quindi l’andatura per farlo rientrare. Bardet ha poi attaccato, ma successivamente ha dichiarato come non sapesse della caduta di Nibali, non ricevendo informazioni via radio. Quello di Froome è stato quindi davvero un bel gesto, che conferma la classe di questo corridore.

CLICCA QUI PER TUTTI GLI ARTICOLI SUL CICLISMO

 





 

alessandro.farina@oasport.it

Twitter: @Alefarina18

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto Pier Colombo

One Reply to “Tour de France 2018, Froome e Thomas vincono il premio fair-play e aspettano Nibali”

  1. Luca46 ha detto:

    Ovviamente sono solo illazioni le mie ma non metterei la mano sul fuoco che il gesto di Froome sia stato spontaneo o che sia stata una sua decisione. C’è la possibilità che sia un gesto atto a riconquistare un po’ di benevolenza. Tutti sappiamo che al Tour non è gradito ne dagli organizzatori ne da gran parte del gruppo. Il suo atteggiamento nei confronti del ciclismo mi sembra cambiato dopo la positività.

Lascia un commento

scroll to top