Tour de France 2018, Chris Froome odiato dal pubblico. Sonori fischi alla presentazione, sentirà la pressione?


Il Tour de France di Chris Froome è iniziato tra i fischi. Ieri il capitano del Team Sky è stato accolto alla presentazione delle squadre a Roche sur Yon con fischi e “buuuu” dal pubblico presente. Una situazione inusuale per il mondo del ciclismo e soprattutto per la Grande Boucle, che è stata evidenziata dall’imbarazzo del presentatore, che ha fatto solo una rapida domanda a Froome per poi glissare sui compagni di squadra, per evitare ulteriori contestazioni.

Una reazione che dimostra come la presenza di Froome non sia gradita dal pubblico francese. Il corridore britannico lunedì è stato assolto per la vicenda del salbutamolo, ma ciò non è bastato per calmare l’ambiente, con i tifosi che hanno mantenuto ben in mente la campagna mediatica contro Froome, con la volontà degli organizzatori di escluderlo dalla corsa.

Per quello che si è visto ieri rischiano di essere tre settimane molto complesse per il grande favorito. Infatti gli spettatori del Tour non hanno mai avuto un bel rapporto con Froome che nel 2015 fu addirittura vittima di un lancio di pipì durante la 14ma tappa. Si rischia quindi di vedere altri atti esagerati o comunque una serie di fischi e insulti continua su tutte le salite.

Questo clima sfavorevole potrebbe anche incidere sulla prestazione in corsa di Froome. Infatti lui stesso ha dichiarato in questi giorni di aver vissuto dei mesi difficili per il caso salbutamolo e, dal punto di vista mentale, vedere che l’assoluzione non ha chiuso questo capitolo, potrebbe penalizzarlo. In questi anni Froome ha dimostrato comunque di essere molto forte e sicuro dei propri mezzi e ora non gli resta che dare il massimo su strada per far cambiare idea al pubblico.

CLICCA QUI PER TUTTI GLI ARTICOLI SUL CICLISMO

 





 

alessandro.farina@oasport.it

Twitter: @Alefarina18

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Valerio Origo

Lascia un commento

scroll to top