Mondiali 2018, Croazia-Inghilterra 2-1: balcanici in lacrime, storica Finale! I Maestri si arrendono, Mandzukic-Perisic eroici

shutterstock_731640592-e1529536650924.jpg


La Croazia compie un miracolo sportivo battendo l’Inghilterra in rimonta nella seconda semifinale dei Mondiali di calcio: finisce 2-1 per la selezione balcanica, che risponde al vantaggio di Trippier nel primo tempo, con le reti di Perisic nella ripresa e di Mandzukic nel secondo tempo supplementare. La Croazia vola così in Finale per la prima volta nella storia e domenica 15 luglio affronterà la Francia allo Stadio Luzhniki di Mosca.

Nel primo tempo le iniziali schermaglie lasciano immediatamente spazio alla magia di Trippier: Modric commette fallo dal limite, Cakir assegna la punizione ed al 5′ il calciatore inglese inventa una traiettoria che scavalca la barriera e si abbassa giusto per andare ad insaccarsi nel sette alla sinistra di Subasic, che può solo guardare il pallone entrare in rete. La Croazia inizia a spingere, prendendo il controllo delle operazioni in mezzo al campo e facendo molto possesso palla, che però si rivela a lungo infruttuoso. I primi affondi verso la porta avversaria portano la firma di Rebic: al 21′ il suo tiro viene respinto dalla barriera, mentre al 32′ è Pickford a dire di no al croato. In mezzo, al 30′ palo colto da Kane al termine di un’azione convulsa un area croata, con Subasic che rischia l’autorete. Al 36′ altra folata inglese, con Lingard che riceve palla dal limite e prova a piazzarla sul palo lontano, ma il suo tentativo si spegne sul fondo, essendo poco preciso. Questa è l’ultima azione degna di nota della prima frazione.

La seconda metà di gara si apre con i gialli a Mandzukic da una parte e Walker dall’altra, ma per la prima vera occasione bisogna attendere il 65′: Rakitic ci prova dal limite, ma Walker si immola per respingere. Sono le prove generali per il pari, che arriva al 67′ cross col contagiri di Vrsaljko, Perisic si allunga e di sinistro trova la deviazione vincente battendo Pickford. I balcanici sono in palla ed al 72′ sfiorano il vantaggio: ancora Perisic conclude sul palo lontano, il pallone supera Pickford ma si stampa sul palo. Il tentativo di tap in di Rebic è debole e l’estremo difensore avversario blocca facilmente. Southgate corre ai ripari: fuori Sterling, dentro Rashford. Le squadre si allungano, ma è ancora la Croazia a rendersi pericolosa: Mandzukic ci prova da fuori, ma Pickford blocca in due tempi. Negli ultimi minuti le squadre sembrano voler accontentarsi dei supplementari e dalle panchine non giungono ulteriori forze fresche: i tempi regolamentari si chiudono sull’1-1.

Nel primo tempo supplementare Southgate toglie subito un esausto Young, rilevato da Rose, poi al 94′ Strinic si fa male all’adduttore destro e viene sostituito da Pivaric. Le occasioni latitano, Dier prende il posto di Henderson tra gli inglesi, e proprio il nuovo entrato al 99′ guadagna un corner dal quale nasce l’inzuccata di Stones che Vrsaljko toglie dalla porta croata quasi sulla linea. Dalic toglie Rebic e mette Kramaric, che prova subito a farsi vedere, senza fortuna, sugli sviluppi di un piazzato. Nel recupero gran palla di Perisic in mezzo per Mandzukic, che ci arriva, ma Pickford devia in corner. Nell’occasione lo juventino si scontra col portiere avversario e prende una brutta botta.

Nell’ultimo quarto d’ora di gioco Mandzukic rientra in campo ed al 109′ sigla la rete del 2-1 partendo sul filo del fuorigioco dopo una sponda di testa di Perisic, battendo di sinistro Pickford in uscita. La mossa della disperazione di Southgate si chiama Vardy, che entra al posto di Walker. Mandzukic non ce la fa e lascia il posto a Corluka, mentre Trippier si infortuna e lascia in dieci i compagni a cambi esauriti. Dalic invece si gioca la carta Badelj al posto di Modric, ma la Croazia non fa altro che controllare tentando di ripartire per far scorrere il cronometro. Finisce 2-1 per la Croazia, che per la prima volta nella storia centra la finalissima dei Mondiali.





Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Osipov / Shutterstock.com

robertosantangelo@oasport.it

Lascia un commento

scroll to top