F1, GP Germania 2018: prove libere 2. Max Verstappen precede di un soffio Hamilton e Bottas, poi le Ferrari


Max Verstappen (Red Bull) chiude al comando il venerdì del Gran Premio di Germania 2018 di Formula Uno, piazzando, non senza sorpresa, il miglior tempo nella seconda sessione di prove libere, in 1:13.085 con gomma UltraSoft. Per l’olandese ad Hockenheim notizie buone perché la sua RB14 è eccellente nel primo e, soprattutto, nell’ultimo settore, quello del Motodrom, ma anche meno buone perché la sua vettura ha messo in mostra problemi a livello di affidabilità che lo hanno condizionato nel corso delle prove di passo gara. Un campanello d’allarme non da poco se aggiunto al fatto che il suo compagno di team, Daniel Ricciardo, partirà in ultima posizione in gara per la sostituzione di diverse componenti della sua Power Unit.

Ad ogni modo Verstappen ha preceduto Lewis Hamilton (Mercedes) di appena 26 millesimi e Valtteri Bottas (Mercedes) di 105, mentre quarta e quinta posizione per le due Ferrari con Sebastian Vettel in 1:13.310 a 225 millesimi da Verstappen, mentre Kimi Raikkonen si è fermato a 342.

Sesta e settima posizione per le due Haas, con il francese Romain Grosjean a 888 millesimi e il danese Kevin Magnussen a 1.104. All’ottavo posto si è classificato un sempre più eccellente Charles Leclerc. Il monegasco ha portato la sua Alfa Romeo Sauber a 1.289 dalla vetta, precedendo il padrone di casa Nico Hulkenberg (Renault) nono a 1.411, mentre è decimo il francese Esteban Ocon (Force India) a 1.423. Solamente 13esimo Daniel Ricciardo (Red Bull) che ha chiuso a 1.597 ma girando con gomma Soft.

La seconda parte della sessione, come al solito, è stata dedicata alle simulazioni di passo gara. La Mercedes ha dimostrato di poter procedere senza patemi sul piede dell’1:17 alto, ma sul prosieguo dello stint vedeva il suo ritmo alzarsi, con la Red Bull che ha fatto capire di poter confermare tali tempi (toccando anche l’1:17.1 con Ricciardo), mentre la Ferrari ha fatto fatica a valicare il muro dell’1:18 con regolarità. Le gomme UltraSoft saranno il vero ago della bilancia del fine settimana, sia perché non vanno sfruttare troppo in avvio (per evitare che si distruggano in fretta) sia perché, come si è visto nei due turni odierni, non fanno una differenza clamorosa rispetto alle altre mescole (anche se ci sono due gradazioni di differenza con la Soft). Sebastian Vettel, con le Medie, infatti, ha piazzato un ottimo 1:13.817, a mezzo secondo dalla sua prestazione con le gomme marchiate di viola. Proprio per questo motivo il tedesco ha deciso di effettuare uno stint anche con gli pneumatici più duri.

CLASSIFICA TEMPI FP2 GP GERMANIA 2018

Pos. N. Nome Pilota Scuderia Distacco Tempo
1 33 M. Verstappen (U) Red Bull   1’13″085
2 44 L. Hamilton (U) Mercedes +00″026 1’13″111    
3 77 V. Bottas (U) Mercedes +00″105 1’13″190
4 05 S. Vettel (U) Ferrari +00″225 1’13″310    
5 07 K. Raikkonen (U) Ferrari +00″342 1’13″427
6 08 R. Grosjean (U) Haas +00″888 1’13″973
7 20 K. Magnussen (U) Haas +01″104 1’14″189
8 16 C. Leclerc (U) Sauber +01″289 1’14″374
9 27 N. Hulkenberg (U) Renault +01″411 1’14″496
10 31 E. Ocon (U) Force India +01″423 1’14″508
11 11 S. Perez (U) Force India +01″467 1’14″552
12 55 C. Sainz (U) Renault +01″507 1’14″592
13 03 D. Ricciardo (S) Red Bull +01″597 1’14″682
14 9 M. Ericsson (U) Sauber +01″698 1’14″783
15 10 P. Gasly (U) Toro Rosso +01″708 1’14″793
16 28 B. Hartley (U) Toro Rosso +01″745 1’14″830
17 14 F. Alonso (U) McLaren +01″751 1’14″836
18 18 L. Stroll (U) Williams +02″184 1’15″269
19 35 S. Sirotkin (U) Williams +02″323 1’15″408
20 2 S. Vandoorne (U) McLaren +02″369 1’15″454

 

 

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SULLA FORMULA UNO





alessandro.passanti@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

FOTOCATTAGNI

Lascia un commento

scroll to top