Badminton, Giochi del Mediterraneo 2018: i convocati dell’Italia ai raggi X. Speranze riposte in Rosario Maddaloni e Garino-Iversen

Rosario_Maddaloni-fiba-e1485370135782.jpg


Ben nutrita la truppa azzurra del badminton che si appresta ad affrontare i Giochi del Mediterraneo di Tarragona 2018: in Spagna il volano italiano conterà ben otto rappresentanti. Certamente la terra iberica vedrà il meglio che il movimento azzurro può offrire in questo momento: in singolare, sia maschile che femminile, sono presenti i numeri uno e due del nostro Paese, mentre in doppio sono state selezionate le due coppie numero uno d’Italia.

Difficile poter competere per il podio, dato che quasi tutti i Paesi presenti schierano la miglior formazione possibile, ma l’Italia sarà sicuramente molto agguerrita e venderà cara la pelle. Sabato 23 e domenica 24 si terranno le eliminatorie, mentre lunedì 25 si terranno semifinali individuali e finali di doppio, infine domenica 26 sarà la volta delle finali di singolare.

Andiamo a scoprire gli otto azzurri convocati:

Rosario Maddaloni (singolare maschile): numero 1 in italia, 85 al mondo. E’ lui la punta di diamante della spedizione azzurra, sarà l’atleta che avrà il compito di andare il più avanti possibile nella competizione. Classe 1988, 14 titoli italiani, ha partecipato a 4 Europei, 2 Mondiali ed 1 edizione dei Giochi del Mediterraneo.

Giovanni Greco (singolare maschile): per lui i Giochi saranno più un modo per acquisire esperienza, essendo l’azzurro meno quotato in singolare. Classe 1990, 9 titoli italiani, anche lui ha partecipato a 4 Europei, 2 Mondiali ed 1 edizione dei Giochi del Mediterraneo.

Judith Mair (singolare femminile): tanta esperienza da fare per lei, data la giovane età. L’Italia non ha al momento una singolarista di livello, tutto ciò che arriverà sarà ben accetto. Classe 2002, il futuro è suo.

Katharina Fink (singolare femminile): come sopra. Il movimento azzurro porta comunque le due migliori singolariste in Spagna, ma non può competere con le squdre più attrezzate che si troverà di fronte. Classe 2002, è campionessa italiana in carica.

Lukas Osele e Kevin Strobl (doppio maschile): coppia numero 1 in Italia e 110 al mondo. Entrambi classe 1997, per loro un titolo italiano in coppia, una partecipazione mondiale e due europee. A loro il compito di andare il più avanti possibile.

Lisa Iversen e Silvia Garino (doppio femminile): coppia numero 70 al mondo, ovviamente numero uno in Italia. Vantano due titoli italiani, una partecipazione mondiale e due europee. A loro il compito di provare ad arrivare quasi sino in fondo.





Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: FIBa

robertosantangelo@oasport.it

Lascia un commento

scroll to top