Show Player

Giro d’Italia 2018, risultato nona tappa: Simon Yates padrone a Campo Imperatore, in crisi Fabio Aru e Chris Froome



Si chiude con una tappa meravigliosa la prima parte del Giro d’Italia 2018: la nona frazione, con partenza da Pesco Sannita e arrivo al Gran Sasso d’Italia dopo 225 chilometri è stato uno spettacolo unico, con il primo vero e proprio scontro diretto tra i big della classifica generale. Thibaut Pinot e Domenico Pozzovivo ci hanno provato in tutti i modi ad attaccare la Maglia Rosa Simon Yates, ma il britannico della Mitchelton-SCOTT non ha lasciato spazio ai rivali battendoli in uno sprint ristretto e giungendo a braccia alzate. Da segnalare l’ennesima giornata no per Fabio Aru e Chris Froome.

Giornata da fughe quella odierna e, pronti via, si sgancia un gruppetto di una ventina di corridori: Mickael Cherel (AG2R La Mondiale), Davide Ballerini e Fausto Masnada (Androni – Sidermec), Manuele Boaro e Giovanni Visconti (Bahrain – Merida), Simone Andreetta (Bardiani – CSF), Cesare Benedetti (Bora – Hansgrohe), Tim Wellens (Lotto FixAll), Natnael Berhane (Dimension Data), Hugh Carthy (EF- Drapac), Maxim Belkov (Katusha – Alpecin), Gianluca Brambilla e Laurent Didier (Trek – Segafredo) e Alex Turrin (Wilier – Selle Italia). Il plotone ha lasciato fare, con la Mitchelton-SCOTT della Maglia Rosa che ha controllato la situazione, lasciando lievitare il vantaggio fino a 8’30”.

Loading...
Loading...

Situazione stabile fino al GPM di Calascio: lì c’è stato un cambio repentino di ritmo da parte del gruppo. L’Astana ha preso in mano l’iniziativa mettendosi a tirare a tutta: soprattutto Lutsenko e Villella hanno recuperato la maggior parte del distacco dai fuggitivi che, chilometro dopo chilometro, sono andati a diminuire di unità. All’attacco dell’ascesa finale verso il Gran Sasso d’Italia è iniziata la vera sfida tra fuga e gruppo: sei uomini (Cherel, Visconti, Boaro, Masnada, Brambilla e Carthy) contro i kazaki dell’Astana.

Il più coraggioso tra gli attaccanti è stato Fausto Masnada: il giovane atleta della Androni a circa 15 chilometri dal traguardo ci ha provato in solitaria, sorprendendo tutti i contrattaccanti. Inesorabile però è stata la rimonta del plotone: anche la Mitchelton-SCOTT con Roman Kreuziger a dar manforte all’Astana nell’inseguimento. Il ricongiungimento c’è stato praticamente a 3 chilometri dal traguardo.

Il primo a provarci dal gruppo è stato Giulio Ciccone (Bardiani-CSF), padrone di casa, ma l’attacco è stato praticamente vano. Nel frattempo in difficoltà sia il campione italiano Fabio Aru (UAE Emirates) che Chris Froome (Team Sky), due dei grandissimi favoriti per il successo finale. Tra i big si è mosso Thibaut Pinot (FDJ) seguito da Domenico Pozzovivo: nessun problema per la Maglia Rosa Simon Yates. Il gran lavoro nell’ultimo chilometro l’ha fatto proprio l’azzurro della Bahrain-Merida: azione mostruosa del lucano, con lui sono rimasti solo in quattro. Lo spunto veloce è venuto a mancare all’esperto scalatore tricolore che è stato balzato negli ultimi cento metri da un mostruoso Yates, che in volata ha superato Pinot ed il compagno di squadra Esteban Chaves. Quarto Pozzovivo, quinto e vicinissimo agli altri Richard Carapaz (Movistar).

Molto più lontani tutti gli altri: pochi secondi persi da Tom Dumoulin (Team Sunweb), che ha gestito al meglio un piccolo momento di difficoltà. Con lui anche un eccellente Davide Formolo (Bora-hansgrohe) ed il neozelandese George Bennett (LottoNL-Jumbo). Ad oltre un minuto invece sia Chris Froome (1’06”) che Fabio Aru (1’12”), che chiudono nel peggiore dei modi una prima parte di Giro da dimenticare.





Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Comunicato RCS – LaPresse – D’Alberto / Ferrari / Paolone / Alpozzi

Loading...

Lascia un commento

scroll to top