Giro d’Italia 2018, gerarchie ben consolidate in classifica. Yates-Dumoulin per la vittoria e Pinot-Pozzovivo per il podio?

Dumoulin-comunicato-Rcs.jpg

Siamo a metà del Giro d’Italia 2018 ma le gerarchie sembrano essersi già delineate. La tappa odierna ha chiarito ulteriormente gli ultimi dubbi: a lottare per la maglia rosa di Roma saranno Simon Yates e Tom Dumoulin. Oggi il britannico ha attaccato sullo strappo conclusivo di Osimo sorprendendo l’olandese che però gli è rimasto in scia e ha contenuto il distacco al minimo. Il capitano della Mitchelton-Scott, capace di bissare il successo di Campo Imperatore, ha ribadito il proprio strapotere e ha rafforzato la maglia rosa con 47” di vantaggio sul rivale più diretto.

Simon Yates è però spaventato dalla cronometro di Trento: 35 chilometri in cui il vincitore della passata edizione del Giro d’Italia può anche guadagnargli un paio di minuti. La sensazione è che molto si deciderà sabato pomeriggio sul terribile Zoncolan: Yates forse ne ha di più in salita mentre la Farfalla sarà chiamato a limitare i danni prima di scatenarsi nella lotta contro le lancette. E dopo martedì i due big potrebbero essere molto vicini tra loro, chiamati a darsi battaglia sulle ultime asperità previste nelle tappe del Colle delle Finestre e di Cervinia, con tantissime salite che decideranno chi salirà sul gradino più alto del podio nella Capitale.

Thibaut Pinot e Domenico Pozzovivo sono distaccati di 1’04” e 1’18”. Il divario non è elevato, entrambi pagheranno sicuramente dazio nella cronometro ma c’è tanto spazio in salita per provare a insidiare i due rivali anche se la sensazione è che il francese e l’italiano lotteranno per il terzo gradino del podio. Entrambi stanno attraversando un ottimo stato di forma e hanno tutte le carte in regola per provare a piazzare il colpaccio della vita.

Chris Froome sembra essere uscito dalla lotta per le posizioni che contano (ha 3’20” di ritardo e uno stato di forma non all’altezza), Fabio Aru è invece a 3’10” dal leader ma sembra essere in ripresa: il Cavaliere dei Quattro Mori avrà l’energia per inventarsi qualcosa sullo Zoncolan e per lottare nella terza settimana? Non va dato per morto il keniano bianco ma sembra davvero troppo lontano dalla forma dei giorni migliori per poter firmare un’impresa.

 





Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter


Lascia un commento

scroll to top