Nuoto, Campionati Italiani 2018: le finali dell’11 aprile. Fabio Scozzoli e Thomas Ceccon superbi! Bianchi-Di Liddo in coppia a Glasgow!

thomas-ceccon-e1523463834563.jpg

Seconda giornata di finali per gli Assoluti di nuoto 2018 a Riccione. Andiamo a illustrarvi i riscontri di questo day-2 nella vasca romagnola.

100 rana uomini

59″33, terzo tempo dell’anno e personale per Fabio Scozzoli. Una prestazione sontuosa (passaggio ai 50 metri di 27″33) per il campione di Lugo che, dopo l’oro e l’argento nei 50/100 rana agli Europei in vasca corta, conquista anche questo titolo con un riscontro cronometrico di grande livello facendo capire di essere performante anche nella piscina da 50 metri. Alle sue spalle Zaccaria Casna (1’01″26) e Federico Poggio (1’01″42).

 

100 dorso uomini

E’ un super Thomas Ceccon quello visto in acqua. L’azzurro, classe 2001, si migliora incredibilmente rispetto al mattino e, dal 54″43, toglie mezzo secondo, siglando il crono di 53″94, conquistando il successo nell’atto conclusivo e siglando il nuovo primato junior (ottavo tempo nel ranking mondiale). Battuto Simone Sabbioni (54″23), grande favorito della vigilia, e terzo Christopher Ciccarese (54″40). Una prestazione sublime per Ceccon che dunque stacca il biglietto per gli Europei di Glasgow e dimostra di essere un atleta con potenzialità enormi.

 

100 farfalla donne

Doveva essere un duello tra Ilaria Bianchi ed Elena Di Liddo e così è stato. Tocca per prima la piastra l’emiliana con il gran crono di 57″70 (ottavo crono nel ranking mondiale) a precedere, al termine di una gara all’ultima respiro, Elena Di Liddo 57″75 (nono crono nel ranking mondiale). Entrambe volano a Glasgow per la rassegna continentale mentre Claudia Tarzia (58″68) completa la top3 in una specialità che ha visto anche Karen Asprissi centrare la qualificazione per gli Eurojunior di Helsinki (4-8 luglio).

 

50 dorso donne

E’ quarta Federica Pellegrini nel “gioco” dell’unica vasca del dorso. 28″55 per la veneta preceduta da Silvia Scalia che, in 28″30, si conferma il riferimento della velocità pura in questo stile, Tania Quaglieri (28″46) e Margherita Panziera (28″50). Da segnalare la sesta piazza di Costanza Cocconcelli (28″70), classe 2002.

 

200 stile libero donne

Nella distanza orfana di Federica Pellegrini è Stefania Pirozzi ad avere la meglio, al termine di una lotta lunga 4 vasche premiante la campana con il tempo di 1’59″71. Secondo posto per Linda Caponi (1’59″94) e terza una Margherita Panziera (2’00″21) che, con buoni riscontri, si è cimentata in questa distanza facendo capire di essere in forma in prospettiva dei 200 dorso.

 

50 farfalla uomini

Andrea Vergani ci ha preso gusto e con 23″65 si supera ancora una volta vincendo davanti agli specialisti della distanza. Piero Codia deve accontentarsi della seconda piazza (23″73) mentre è terzo Daniele D’Angelo. Non positiva la prova di Matteo Rivolta che conclude la sua prova in sesta piazza (24″03).

 

200 rana donne

Francesca Fangio si regala la soddisfazione del titolo tricolore: 2’26″72 per lei, dopo il secondo posto dei 400 misti donne, e pass europeo in tasca. Una distribuzione convincente quella dell’atleta del Team Nuoto Lombardia, battendo Martina Carraro (2’27″92) e Letizia Memo (2’28″25), che migliora la prestazione mattutina scendendo sotto il limite del 2’30”.

 

4×200 stile libero uomini

7’16″31 il risultato finale del Centro Sportivo Esercito, sul podio più alto insieme al Centro Sportivo Carabinieri con lo stesso tempo, a precedere il Circolo Canottieri Aniene (7’18″35).

 





 

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NUOTO

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Credit La Presse 

Lascia un commento

scroll to top