MotoGP, i precedenti di Valentino Rossi nel GP delle Americhe. Per il “Dottore” una pista poco amica

Rossi-Valentino-FotoCattagni-1.jpg

Se si cerca una piccola “macchia” nella incredibile carriera di Valentino Rossi si potrebbe parlare delle difficoltà avute con il Circuito delle Americhe di Austin. Sul tracciato texano, infatti, il “Dottore” non ha mai vinto una gara. Nelle cinque edizioni disputate, anzi, ha sempre visto trionfare il suo grande rivale Marc Marquez, che nel sud degli Stati Uniti appare quasi imbattibile. Sui 5513 metri del tracciato ideato dall’ingegnere Hermann Tilke, il pesarese ha sommato ben pochi sorrisi. Ma andiamo con ordine.

Nel 2013, all’esordio di questo splendido circuito nel Motomondiale, il nove volte campione del mondo concluse in sesta posizione (dopo essere scattato ottavo dalla griglia), a 16.6 secondi di distacco da Marquez che vinse davanti al compagno di scuderia Dani Pedrosa e al connazionale Jorge Lorenzo su Yamaha. Tripletta spagnola con Rossi primo degli italiani davanti a Dovizioso.

Nel 2014 le cose per il numero 46 più famoso del mondo andarono addirittura peggio. Dopo il sesto posto nelle qualifiche non riuscì ad andare oltre l’ottava piazza, dopo una gara nella quale ha combattuto con le proprie gomme, che lo hanno costretto ad un ritardo di ben 45.5 secondi nei confronti del solito Marquez. Anche in questa occasione dominio Honda con Dani Pedrosa secondo, mentre Andrea Dovizioso porta la Ducati al terzo posto ma a quasi 21 secondi.

Nel 2015 arriva il primo podio per il nativo di Tavulia. Dopo una buona gara, infatti, Valentino Rossi (quarto al via) e Andrea Dovizioso (secondo) si piazzano alle spalle di Marquez, ma con distacchi di appena 2.3 e 3.1 secondi. Alle loro spalle Jorge Lorenzo e Andrea Iannone,

Dopo la soddisfazione del 2015, arriva la doccia fredda del 2016. Valentino Rossi, infatti, dopo aver conquistato la prima fila in qualifica, finisce la sua gara con una scivolata dopo 19 giri. Ancora una giornata storta ad Austin guardando dal basso il podio composto da Marc Marquez, Jorge Lorenzo (a 6.1 secondi) e Andrea Iannone (a 10.9).

Si arriva a dodici mesi fa. Quinta vittoria per Marquez, ma stavolta Valentino Rossi stringe i denti e chiude in piazza d’onore a 3 secondi, precedendo Dani Pedrosa staccato di 5.1. Per il “Dottore” terzo posto in qualifica e, in gara, il miglior risultato sul tracciato americano.

Nel complesso, dunque, per Valentino Rossi al COTA-Circuit of the Americas, sono arrivati appena due podi in cinque edizioni. Un bottino non certo all’altezza di un nove volte campione del mondo che, ovviamente, cercherà di spezzare questo tabù, ben sapendo che Marc Marquez su questa pista è l’uomo da battere, dopo un incredibile cinque su cinque dal 2013 ad oggi.

 

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL MOTOMONDIALE





alessandro.passanti@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

FOTOCATTAGNI


Lascia un commento

scroll to top