Giro d’Italia 2018, terza tappa: Be’er Sheva-Eilat. Velocisti in azione, ma occhio al vento

G18_T03_Eilat_alt_jpg.jpg


Domenica 6 maggio 2018, terza tappa per il Giro d’Italia 2018: ultimo appuntamento in terra israeliana per la Corsa Rosa che percorre 229 chilometri, prevalentemente pianeggianti, da Be’er Sheva fino all’arrivo di Eilat. Andiamo a scoprire questa terza frazione nel dettaglio.

Terza tappa Giro d’Italia 2018

Prima parte di gara leggermente ondulata (niente di particolarmente duro), con strade però belle ampie e ben pavimentate. Doppio traguardo volante in quel di Sde Boker (chilometro 45.2) e Mitzpe Ramon (chilometro 77). Dopo la zona di rifornimento fisso si percorre il primo ed unico Gran Premio della Montagna di giornata: Faran River, a oltre 100 chilometri dall’arrivo. Sono 1.2 chilometri al 7.2% con punte massime al 10%. Prosegue in pianura la lunga marcia dei corridori verso il traguardo di Eilat: finale abbastanza complicato dal punto di vista planimetrico con un paio di curve insidiose che potrebbero creare problemi ai vari treni dei velocisti. Da fare attenzione anche al pericolo vento: siamo nei pressi del Mar Rosso e potrebbero esserci dei ventagli che metterebbero già in crisi gli uomini di classifica dopo soli tre giorni di gara.

Altimetria

TUTTE LE TAPPE DEL GIRO D’ITALIA 2018

Prima tappa: Gerusalemme-Gerusalemme
Seconda tappa: Haifa-Tel Aviv





CLICCA QUI PER TUTTI GLI ARTICOLI DI CICLISMO

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Lascia un commento

scroll to top