Cantami Italia, La Leggenda continua: le nuove imprese azzurre di Federico Militello e Pio Napolitano

Se fosse una di quelle fiabe raccontate dai nostri nonni, probabilmente inizierebbe così: “C’è stato un tempo in cui…”. E continuerebbe narrando di imprese, di eroi e di trionfi. Ma una siffatta storia presupporrebbe una conclusione, un calare del sipario sulle vicende appena lette. E invece ci troviamo ancora una volta a celebrare nuove medaglie ed entusiasmanti vittorie da parte di straordinari atleti e magnifiche atlete del nostro Paese grazie alle pagine di Cantami Italia, La Leggenda continua (Bolognese editore, 2017), secondo volume dedicato ai successi azzurri di Federico Militello e Pio Napolitano.

Nonostante la nostra endemica incapacità di celebrarci adeguatamente, il che non deve presupporre, al contrario, spocchia nazionalista o sterile vanagloria, quello che i due autori vogliono sottolineare in questa nuova carrellata di trionfi tricolori è che l’Italia, nonostante i cronici problemi di investimenti e organizzazione, di mancanza di strutture e penuria di risorse, continua a sfornare talenti incredibili e a vincere in ogni parte del mondo. E non si tratta solo di successi olimpici ma anche di discipline assenti dalla tradizione a cinque cerchi come il motociclismo (Valentino Rossi e Max Biaggi) e l’ippica (Varenne), segno che l’Italia merita davvero di sedere nel gotha dello sport mondiale.

Militello e Napolitano sottolineano molto bene, poi, come i successi azzurri non sono legati solamente a grandissimi fuoriclasse come Valentina Vezzali, Niccolò Campriani e Federico Pellegrino (solo per citare alcuni nomi di questa straordinaria hall of fame) ma anche a grandi formazioni capaci di segnare un intero decennio come la Generazione di Fenomeni del volley anni ’90 oppure a rappresentative nazionali dotate di campioni eccezionali come gli Eroi di calcio del Mondiale di Germania del 2006, la staffetta maschile 4×10 di sci di fondo di Lillehammer 1994 (con la superba volata finale di Silvio Fauner sul mito Bjorn Daehlie) e la leggenda della Scuderia Ferrari. È vero che la nostra storia sportiva ci dice che, tradizionalmente, abbiamo delle isole felici che continuano a portare medaglie olimpiche e trionfi europei e mondiali grazie a un incessante lavoro di scouting e valorizzazione del talento come nella scherma, nel tiro a volo e nel canottaggio mentre altre discipline vivono più del fuoriclasse del momento per poi spegnersi gradualmente ma è altrettanto vero che, in assenza di programmazione e risorse, questi successi costituiscono dei veri e propri miracoli del genio italiano.

Non ve n’è a sufficienza per mettere definitivamente da parte quella che un grande intellettuale come Carlo Emilio Gadda definiva “la porca rogna italiana del denigramento di noi stessi” e celebrarci in maniera adeguata? E allora, come i due autori ben scrivono in conclusione del libro, bisogna solamente cantare un’Ode all’Italia: “Ma disperso ormai è quel comune sentire, dietro i fantasmi di un falso spirito comunitario e non vi sono più saldi riferimenti. E trema incerto l’ago della bussola. Chi può ancora chiamare a grandi gesta, chi si affaccia dubbioso alla vita, quando i migliori restano a casa incerti e i pessimi hanno la delega eterna senza firma? Forse Tania, Alberto, Yuri, Pietro, Sara e i tanti che col solo loro impegno di un popolo mostrano il meglio. E si protendono verso i grandi traguardi chiedendo solo il giusto obolo per il talento così sacramente speso”.

Recensione a cura di Simone Morichini

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIU’ SU CANTAMI ITALIA, LA LEGGENDA CONTINUA

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Cantami Italia La Leggenda Continua Sport&Letteratura

ultimo aggiornamento: 08-04-2018


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Equitazione, Longines Global Champions Tour 2018: Edwina Tops-Alexander regina a miami Beach! Mohammed e Kenny sul podio. Non brilla Alberto Zorzi

Canoa velocità, i convocati dell’Italia per la prima tappa di Coppa del Mondo: saranno 26 gli azzurri in gara