Ginnastica, International Gymnix 2018 – Italia d’assalto a Montreal: la classe 2003 riparte dal palcoscenico mondiale

L’Italia è pronta per la prima uscita internazionale della stagione. L’anno della ginnastica artistica entra nel vivo e, dopo l’American Cup, si vola come da tradizione a Montreal (Canada) per gli International Gymnix. La nostra Nazionale juniores vorrà mettersi in luce oltreoceano: lo scorso anno le azzurrine conquistarono un prestigioso secondo posto tenendo testa alla corazzata USA che prevalse soltanto nel finale. Nella città che ha ospitato i Mondiali soltanto pochi mesi fa, la nostra formazione cercherà vorrà essere protagonista in un contesto altamente competitivo con lo sguardo sempre proiettato verso le Olimpiadi di Tokyo 2020. Queste tappe intermedie, infatti, rappresentano dei passaggi importanti verso l’obiettivo più importante del quadriennio. La classe 2003 non vuole farsi trovare impreparata e già da tempo sta lavorando alacremente per poter fare la differenza.

Il nostro quartetto è partito proprio oggi alla volta del Canada a tre giorni di distanza dall’esordio in Serie A: i piccoli fenomeni hanno trascinato la Brixia Brescia verso una sonora vittoria. Le gemelle Asia e Alice D’Amato, Elisa Iorio e Giorgia Villa cercheranno di fare saltare il banco e hanno le carte in regola quantomeno per salire sul podio. Quest’anno non ci saranno le statunitensi (la Federazione ha deciso di non presenziare all’evento, anche al Trofeo di Jesolo ci saranno soltanto delle individualiste). La sfida è così lanciata: la Russia (i coniugi Rodionenko puntano sulla classe 2004-2005 con Komnova, Astafeva, Listunova e Gerasimova), la Germania di Hayn e Griesser, le due squadre del Canada, il Belgio e il Giappone delle varie Hatakeda, Yamada, Nakaguchi e Miyata saranno i nostri avversari. Appuntamento per il weekend del 10-11 marzo con la classica gara a squadre e le Finali di Specialità.

 





Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Volley, più spazio per i giovani in Italia? I nuovi campionati e gli obblighi per SuperLega: le big rilanceranno i vivai?

L’autopsia sul cadavere di Davide Astori: “Morto per bradiaritmia. Il cuore ha rallentato fino a fermarsi”