Pattinaggio artistico, Olimpiadi invernali PyeongChang 2018: il trionfo della zarina Alina Zagitova, delusione per Evgenia Medvedeva


Il programma libero femminile ha posto fine alle competizioni di pattinaggio di figura in occasione dei Giochi Olimpici invernali di PyeongChang 2018.

Già al comando del programma corto, la giovanissima russa Alina Zagitova ha conquistato la medaglia d’oro, ottenendo 156.65 punti nella prova odierna, nella quale si è esibita sulle note del Don Chisciotte di Ludwig Minkus, con 81.62 punti di technical elements e 77.47 punti di components. Il totale di 239.57 punti rappresenta anche il suo nuovo primato personale. Ancora quindicenne, Zagitova diventa così una delle più giovani campionesse olimpiche di sempre: nella storia, infatti, solamente la statunitense Tara Lipinski a Nagano 1998 e la norvegese Sonja Henie a St. Moritz 1928 hanno trionfato prima di compiere il sedicesimo anno di età, anche se il primato assoluto per una medagliata spetta alla britannica Cecilia Colledge, argento a 15 anni e 79 giorni nell’edizione di Garmisch-Partenkirchen 1936. Per una questione di giorni, Zagitova diventa la seconda campionessa olimpica più giovane di sempre, con il primato che resta in possesso della Lipniski (15 anni e 257 giorni).

Non ha potuto trattenere le lacrime la campionessa mondiale Evgenia Medvedeva, che ha visto la più giovane connazionale e compagna di allenamenti (entrambe sono allieve di Eteri Tutberidze) strapparle quella medaglia d’oro che fino ad inizio stagione sembrava dover essere sua. L’infortunio occorsole prima della Finale del Grand Prix sicuramente ha condizionato la sua preparazione, e, dopo la sconfitta patita ai Campionati Europei, si è dovuta inchinare a Zagitova anche in sede olimpica. Medvedeva ha comunque dimostrato la sua classe migliorandosi nel programma corto e pareggiando i conti con Zagitova nel secondo segmento di gara, vinto grazie al miglior punteggio nelle componenti del programma. Proprio le components hanno comunque rappresentato il segreto del successo della più giovane delle due russe, infatti Zagitova si è nettamente migliorata da questo punto di vista rispetto alle sue prime uscite stagionali, sebbene per alcuni analisti i giudici siano stati di manica larga con la fenomenale quindicenne, che certamente può ancora migliorare nell’interpretazione.

Sarà ora da vedere se le due atlete prenderanno parte anche ai Mondiali di Milano, dove potrebbe rinnovarsi la sfida tra le russe, e dove Medvedeva sarà chiamata a difendere il suo titolo iridato, vinto nelle due precedenti edizioni.

Bravissima anche Kaetlyn Osmond, che dopo la medaglia d’argento mondiale si conferma tra le grandi della disciplina con il bronzo olimpico, disintegrando i propri primati personali. La bandiera con la foglia d’acero torna dunque a sventolare sul podio olimpico della gara femminile otto anni dopo il bronzo casalingo di Joannie Rochette, inoltre il Canada chiude la rassegna con medaglie in tutte le gare del pattinaggio di figura ad esclusione di quella maschile.

Carolina Kostner si è alla fine dovuta accontentare di un quinto posto che rappresenta comunque il suo secondo miglior risultato olimpico dopo il bronzo di Sochi 2014. Come abbiamo già avuto modo di ricordare in precedenza, l’unica ultratrentenne in grado di salire sul podio olimpico nella storia fu Ethel Muckelt, bronzo a trentotto anni suonati nel lontano 1924. Neppure la classe di Carolina ha potuto infrangere questo tabù, in uno sport che continua a sorridere alle giovanissime: con i suoi ventidue anni, infatti, Osmond è la più “anziana” tra le atlete medagliate quest’oggi, mentre nella top ten la più grande dopo Kostner è la statunitense Mirai Nagasu, venticinquenne che ha chiuso decima. Per Carolina ci sarà ora l’appuntamento con i Mondiali di Milano, appuntamento che dovrebbe rappresentare l’ultima competizione della sua spettacolare carriera.

CLASSIFICA FINALE

FPl. Name Nation Points SP FS
1 ZAGITOVA Alina
OAR
239.57 1 2
2 MEDVEDEVA Evgenia
OAR
238.26 2 1
3 OSMOND Kaetlyn
CAN
231.02 3 3
4 MIYAHARA Satoko
JPN
222.38 4 4
5 KOSTNER Carolina
ITA
212.44 6 5
6 SAKAMOTO Kaori
JPN
209.71 5 6
7 CHOI Dabin
KOR
199.26 8 8
8 SOTSKOVA Maria
OAR
198.10 12 7
9 TENNELL Bradie
USA
192.35 11 9
10 NAGASU Mirai
USA
186.54 9 12
11 CHEN Karen
USA
185.65 10 11
12 TURSYNBAEVA Elizabet
KAZ
177.12 15 13
13 KIM Hanul
KOR
175.71 21 10
14 RAJICOVA Nicole
SVK
175.19 13 15
15 DALEMAN Gabrielle
CAN
172.46 7 19
16 HENDRICKX Loena
BEL
171.88 20 14
17 CRAINE Kailani
AUS
168.61 16 16
18 SCHOTT Nicole
GER
168.46 14 17
19 MEITE Mae Berenice
FRA
159.92 22 18
20 PELTONEN Emmi
FIN
157.14 18 21
21 PAGANINI Alexia
SUI
156.26 19 22
22 LI Xiangning
CHN
154.43 24 20
23 TOTH Ivett
HUN
150.43 23 23
24 WILLIAMS Isadora
BRA
144.18 17 24
AUSTMAN Larkyn
CAN
FNR 25
NIKITINA Diana
LAT
FNR 26
RUSSO Giada
ITA
FNR 27
OESTLUND Anita
SWE
FNR 28
KHNYCHENKOVA Anna
UKR
FNR 29
MAMBEKOVA Aiza
KAZ
FNR 30

giulio.chinappi@oasport.it





Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: ISU Figure Skating

Lascia un commento

scroll to top