Tennis, Hopman Cup 2018: Svizzera-Germania 2-1, Roger Federer trionfa 17 anni dopo!

Trionfo svizzero nella Hopman Cup 2018. Roger Federer e Belinda Bencic riportano il titolo del torneo di esibizione a squadre entro i propri confini 17 anni dopo. L’anello di congiunzione è sempre lui: il fenomeno rossocrociato. Era il 2001 quando, in coppia con Martina Hingis, l’attuale n.2 del mondo trionfava. Ne è passata di acqua sotto i ponti e lui è sempre lì a vincere e ad emozionare. Svizzera che si è imposta dunque 2-1 contro la Germania in quest’edizione grazie ai successi nel singolare maschile e nel doppio misto. 

Nel primo match è semplicemente spettacolo! Federer ed Alexander Zverev (n.4 del mondo) mettono in mostra un tennis d’alta scuola ed alla fine è l’asso svizzero a spuntarla con il punteggio di 6-7 6-0 6-2 in 1 ora e 50 minuti di partita. Il tedesco cerca subito di mettere sotto pressione il campione elvetico costringendolo a salvare due palle break nel gioco d’apertura. Stessa condizione poi vissuta da “Sascha” messo alle stretta da Roger ma comunque in grado di annullare le chance al rivale con il servizio. La partita si sviluppa lungo il filo dell’equilibrio e l’epilogo al tie-break è scontato. Il 21enne di Amburgo si dimostra molto più lucido sorprendendo il rivale con accelerazioni improvvise che non gli consentono di comandare lo scambio. Sul 7-4 il teutonico conquista il primo parziale. Nel secondo set la musica cambia completamente e Federer mette in mostra tutto il suo repertorio salendo decisamente nelle percentuali di efficacia al servizio (ben oltre l’80% dei punti conquistati con la prima di servizio contro il 30% dell’avversario). Un 6-0 che non ammette repliche e stronca psicologicamente il n.4 ATP investito dalla furia creativa del “Maestro”. Applausi ed ancora applausi per il fenomeno di Basilea nel terzo set. Altro dominio incontrastato, rappresentato dal doppio break del terzo e quinto game, suggellato da giocate sopraffine come quella del match point quando, dopo uno scambio lungo la diagonale di dritto, una palla corta di rovescio va stamparsi sulla riga regalando un altro sorriso a “Sua Maestà” e chiudendo sul 6-2.

 

A ristabilire la parità nel confronto ci pensa Angelique Kerber che in poco più di un’ora piega le velleità di una Bencic troppo fallosa aggiudicandosi la partita 6-4 6-2. L’avvio illusorio dell’elvetica, avanti di un break, scuote la tedesca molto più solida da fondo ed in grado di ribaltare l’iniziale svantaggio con facilità. La differenza di continuità nel gioco tra le due è palpabile ed il 6-4 del primo parziale dà ancor più sicurezza alla ex n.1 del mondo. Nel secondo set, infatti, la Bencic “esce fuori dal campo” non riuscendo mai a trovare una breccia nella difesa della teutonica che, invece, sa quando far male all’avversaria. Da fondo non c’è storia ed il doppio break del quarto e sesto gioco chiude i conti sul 6-1.

E’ il doppio a regalare dunque il successo alla nazionale svizzera: 4-3 4-2 lo score per la coppia Bencic/Federer, contro Zverev/Kerber, che può dunque festeggiare ed iniziare nel miglior modo possibile il 2018.

 

 





 

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DEL TENNIS 

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: profilo twitter ATP

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Slittino, Coppa del Mondo Koenigssee 2018: tripletta tedesca in doppio. Ottimi i giovani Nagler-Malleier, settimi

Sci alpino, Sofia Goggia: “Ho cambiato il ritmo, mese da cecchino. Ho fame, emozioni del primo podio”