Pallamano femminile, Mondiali 2017: la finale Norvegia-Francia farà la storia, scandinave a caccia del primato assoluto

norvegia-pallamano-pagina-fb-ihf-e1513419036664.jpg

Questa sera, comunque vada, verrà scritta una pagina di storia della pallamano femminile. La finalissima dei Mondiali vedrà infatti di fronte Norvegia e Francia, in una gara che si preannuncia molto avvincente e spettacolare, dal pronostico che pende leggermente in favore delle scandinave, a caccia del quarto titolo iridato, un record, che sarebbe condiviso solamente con la Russia. Il punto di forza della squadra allenata da Thorir Hergeirsson è sicuramente il gruppo, ormai consolidato e vincente, nel quale spiccano sicuramente il portiere Kari Aalvik Grimsbø e la mancina  Nora Mørk, capocannoniera del torneo con 59 gol.

Dall’altro lato del campo ci sarà però la Francia, e qui sì che si potrebbe davvero fare la storia, poichè in caso di vittoria assisteremmo ad una clamorosa doppietta transalpina, dopo il trionfo della selezione maschile lo scorso gennaio, monopolizzando di fatto ogni trofeo, ed eguagliando l’impresa compiuta dall’allora Unione Sovietica nel 1982. Quella di Olivier Krumbholz è una nazionale in forte crescita, che fonda il proprio gioco sul talento di Allison Pineau ed Alexandra Lacrabère, punti di forza di un team che dall’argento colto alle Olimpiadi di Rio si sta esprimendo ai massimi livelli. Battere la Norvegia non sarà facile, ma la Coppa manca alla pallamano in rosa addirittura dal 2003, e da quel 32-29 inflitto all’Ungheria a Zagabria.

Spazio dunque al campo della Barclaycard Arena di Amburgo, con fischio d’inizio alle ore 17:30, e dove, comunque vada, si farà la storia.

Foto: pagina Facebook IHF

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

scroll to top