Nuoto, Assoluti Invernali 2017: super Scozzoli nei 50 rana, Di Liddo, Carraro e Scalia volano agli Europei di Copenhagen

Mattinata di gare nella prima giornata degli Assoluti Invernali di nuoto in vasca corta a Riccione, qualificante per gli Europei (piscina da 25 metri) a Copenhagen (Danimarca, 13-17 dicembre). Andiamo a raccontarvi quanto offerto dalla piscina romagnola.

400 stile libero uomini

Nella specialità orfana di Gabriele Detti, assente per un’infiammazione alla spalla e costretto al forfait anche per la rassegna continentale in vasca corta, è Matteo Ciampi ad aggiudicarsi il titolo in 3’42″56 conducendo una gara convincente fin dall’inizio e precedendo il 200ista Filippo Megli (3’43″69) ed Alex Di Giorgio (3’44″16). Prestazioni distanti però dal limite (3’40″2) richiesto dalla Fin per l’accesso agli Europei.

50 dorso donne

Arrivano invece due pass continentali dalla gara veloce del dorso femminile. Ad ottenere la qualificazione Elena Di Liddo (26″80) e Silvia Scalia (26″84) mentre il terzo crono di Erika Ferraioli (27″49) non è sufficiente per essere parte della competizione internazionale.

50 farfalla uomini

Nel delfino Piero Codia mette la mano davanti a tutti in 22″93 con 3 centesimi di vantaggio su Matteo Rivolta e 26 su Marco Orsi. Il tempo richiesto di 22″8 è stato sfiorato dal vincitore e questo potrebbe equivalere ad una qualificazione diretta.

200 stile libero donne

Senza la regina Federica Pellegrini, lo scettro è per un’ottima Laura Letrari che in 1’56″26 si porta a casa il titolo italiano a sorpresa con 1″22 su Stefania Pirozzi e 1″27 su Erica Musso. Lontane però queste atlete dall’1’55″5 della Fin. Non bene, in questo senso, Alice Mizzau solo sesta in 1’57″97 nell’ultima serie.

50 rana maschili

Nella gara più attesa della mattinata Fabio Scozzoli non delude timbrando il cartellino con il tempo di 26″36 battendo un ottimo Alessandro Pinzuti (26″86) ed un Nicolò Martinenghi (26″89) non così a proprio agio nella piscina da 25 metri. C’è da dire che sia Scozzoli che Martinenghi sono già con il biglietto per Copenhagen in tasca ma la prestazione dell’emiliano (sotto il tempo richiesto dalla Fin) chiama ad un 25 alto in vista dei campionati in Danimarca.

100 rana donne

Martina Carraro conferma il suo ottimo stato di forma prendendosi la vittoria in 1’05″73 e conquistando anche la qualificazione europea. Una prestazione di qualità precedendo una buona Arianna Castiglioni (1’06″23) a cui sono mancati gli ultimi 25 metri per contrastare la progressione della genovese. Tuttavia per la lombarda la presenza in Danimarca era già assicurata. Terza piazza per l’altra ligure Ilaria Scarcella (1’06″70).

400 misti maschili

I misti si confermano il regno di Federico Turrini, mettendo nella sua personale bacheca l’ennesimo titolo tricolore. 4’08″20 per il toscano, autore di una gara regolare, battendo Lorenzo Tarocchi (4’10″58) e Mattia Bondavalli (4’11″13) ed evidenziando però un livello tutt’altro che esaltante per una specialità che fatica a trovare atleti per una medaglia nei contesti internazionali.

100 farfalla donne

Nella sfida del delfino femminile è Ilaria Bianchi ad avere la meglio (già qualificata agli Europei) con il tempo di 56″94 grazie ad una progressione notevole nella seconda parte di gara. Tuttavia il secondo posto di Elena Di Liddo rallegra anche la farfallista del Circolo Canottieri Aniene che con il suo 57″12 ottiene il secondo pass continentale della giornata. In terza piazza, nell’ordine complessivo dei tempi, un’ottima Alessia Polieri in 59″13.

4×50 stile libero maschile

Nell’ultima gara della mattinata sono le Fiamme Oro ad imporsi in 1’26″59. Alessandro Miressi (21″87), Lucio Spadaro (21″87), Luca Leonardi (21″80) e Marco Orsi (21″14) centrano il bersaglio grosso con il nuovo primato di società a precedere il Centro Sportivo Esercto (1’26″87, da segnalare la frazione interna di Lorenzo Zazzeri in 21″06) ed il Team Nuoto Lombardi (1’27″51).

 





 

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DEL NUOTO

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: pagina facebook Meeting di Bolzano

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ginnastica, Simone Biles: “Sono tornata in forma, ho tutte le skills delle Olimpiadi. Punto a Tokyo 2020 ma prima…”

Basket, Serie A 2017-2018: riparte la caccia a Brescia. Scontro Venezia-Avellino, Milano di scena a Reggio Emilia