Short track, Coppa del Mondo Seoul 2017: Arianna Fontana penalizzata nei 1000m, terzo Confortola nella finale B dei 1000m e quarta la staffetta femminile nella finale B

Arianna-Fontana-Renzo-Brico-2.jpg


Poche luci nell’ultima giornata della quarta tappa di Coppa del Mondo di short track sul ghiaccio di Seoul (Corea del Sud) per i colori azzurri.

Ebbene nei 1000 metri femminili, c’erano grandi attese per Arianna Fontana dopo il podio del precedente appuntamento di Shanghai (CINA). L’azzurra è stata eliminata nei quarti di finale della distanza per via di una penalizzazione insieme alla tedesca Anna Seidel che ha estromesso la campionessa valtellinese dalle semifinali. In finale vi è stato il trionfo della coreana Min Jeong Choi (1’32″402) che ha preceduto nell’ordine la canadese Kim Boutin (1’32″662) e l’olandese Yara van Kerkhof (1’33″246). Da segnalare la penalità, in questo caso, ai danni della britannica Elise Christie, tra le protagoniste dell’atto conclusivo. Sul versante maschile estremamente positiva la prestazione di Yuri Confortola che ha colto il terzo posto nella finale B della medesima distanza alle spalle del cinese Ziwei Ren e dell’israeliano Vladislav Bykanov, dimostrando di essere il più in forma della pattuglia italiana tra gli uomini. La vittoria è andata al forte ungherese Shaolin Sandor Liu che in 1’26″223 ha battuto in un arrivo serrato il padrone di casa Dae Hwang (1’26″365) ed il canadese Samuel Girard (1’26″426).

Nelle staffette Cynthia Mascitto, Arianna Valcepina, Lucia Peretti e Martina Valcepina hanno ottenuto il quarto ed ultimo posto nella finale B alle spalle di Canada (4’14″237), Ungheria (4’15″392) e Giappone (4’15″707). Una gara condotta in testa con autorità dalle italiane a cui però è mancata la chiusura risolutiva. E’ stata invece l’Olanda a centrare il bersaglio grosso nella finale A in 4’12″037 precedendo la Russia (4’13″135) e la Corea del Sud (4’18″487). Penalità per la Cina che, nel darsi agonistico sul ghiaccio, ha ostacolato la nazionale coreana. Infine tra gli uomini, successo coreano in 6’47″365 davanti agli olandesi (6’47″501) ed agli Stati Uniti (6’47″894).

RISULTATI COMPLETI

 





 

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SULLO SHORT TRACK

 

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Renzo Brico

Lascia un commento

scroll to top