Rugby, Test Match 2017: Italia-Argentina. I Pumas ai raggi X: Creevy guida una nazionale alla ricerca del riscatto

Italia_Argentina_Rugby_Twitter_FIR-e1510653130704.jpg

La questione ranking e la fame di vittoria degli Azzurri dovranno sovrastare la voglia di rivalsa dei Pumas: Italia-Argentina, che si giocherà sabato a Firenze, rappresenta la sfida tra gli italiani, ringalluzziti dal trionfo sulle Fiji, e la ricerca di un successo che manca da troppo tempo per i sudamericani.

I Pumas infatti sono reduci dal filotto di sconfitte subito nel Rugby Championship per mano di Australia, Sudafrica e Nuova Zelanda, nonché dal ko contro l’Inghilterra dello scorso sabato: sette sonore scoppole che hanno fatto precipitare l’Argentina al decimo posto del ranking mondiale.

Dei quattro esordienti nella rosa sudamericana per questi tre Test Match (chiusura il 25 contro l’Irlanda a Dublino), ovvero Rodrigo Bruni, Sebastián Cancelliere, Felipe Arregui e Bautista Ezcurra, soltanto il secondo è entrato a gara in corso contro i maestri inglesi.

Ci sarà turnover per permettere anche agli altri di esordire con la selezione maggiore? Chissà, così come non è certa la conferma dell’estremo Joaquin Tuculet, fuori sabato per 10′ per un fallo che poteva essere anche da rosso, lasciando ben presto i compagni in 14.

Gli Azzurri dovranno fare molta attenzione alla fisicità argentina, che ha dato filo da torcere anche all’Inghilterra, anche grazie alla prima linea composta da Nahuel Tetaz Chaparro, il capitano Agustin Creevy e Santiago Garcia Botta. A completare il reparto degli avanti in terra britannica sono stati Tomas Lezana, Marcos Kremer, Pablo Matera, Tomas Lavanini e Matias Alemanno.

Di contro però è mancata, non solo nell’ultima partita, la concretezza: troppi calci sbagliati (soltanto nella gara di sabato scorso non sono stati realizzati 3 piazzati ed una trasformazione) da diversi atleti (due volte Sanchez, una a testa Boffelli ed Hernandez) fanno da aggravante ad una formazione già poco prolifica dal punto di vista realizzativo.

Se a tutto ciò si aggiunge la fallosità dei sudamericani, ecco che per l’Italia il compito di Firenze diventa quantomeno fattibile, anche per evitare un passo indietro nel Ranking dopo la vittoria di Catania contro le Fiji. Sarà questo il 22° confronto tra le due Nazionali, con l’Argentina che ha vinto le ultime sei sfide.

Il CT argentino Daniel Hourcade non ha mai perso contro gli Azzurri da quando siede sulla panchina dei Pumas, anche se tutti e tre i precedenti sono stati molto tirati: l’Argentina ha vinto a Napoli nel 2013 per 19-14, a Genova nel 2014 per 20-18, e a Santa Fé lo scorso anno per 30-24.

Di seguito l’elenco dei 32 convocati dell’Argentina per il tour in Europa:
Matias Alemanno, Felipe Arregui, Gonzalo Bertranou, Emiliano Boffelli, Rodrigo Bruni, Sebastian Cancelliere, Santiago Cordero, Agustin Creevy (C), Jeronimo de la Fuente, Bautista Ezcurra, Santiago Garcia Botta, Santiago Gonzalez Iglesias, Juan Martin Hernandez, Marcos Kremer, Martin Landajo, Tomas Lavanini, Juan Manuel Leguizamon, Tomas Lezana, Benjamin Macome, Pablo Matera, Julian Montoya, Ramiro Moyano, Matias Moroni, Lucas Noguera, Matias Orlando, Javier Ortega Desio, Guido Petti, Enrique Pieretto, Nicolas Sanchez, Leonardo Senatore, Nahuel Tetaz Chaparro, Joaquin Tuculet.





Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Profilo Twitter FIR

CLICCA QUI PER TUTTI GLI ARTICOLI SUL RUGBY

roberto.santangelo@oasport.it

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top