MotoGP, GP Valencia 2017: il Mondiale può solo buttarlo via Marc Marquez. Ma c’è il precedente di Valentino Rossi nel 2006…

Marquez-3-FotoCattagni.jpg

Marc Marquez è ad un passo dalla vittoria del mondiale MotoGP 2017. Il pilota spagnolo è vicinissimo al suo quarto titolo nei cinque anni disputati nella categoria regina e cercherà di non commettere errori sanguinosi nel corso del Gran Premio di Valencia di domenica. Gestire 21 punti di vantaggio su Andrea Dovizioso sono un compito non certo impossibile per il padrone di casa che in questo fine settimana dovrà confrontarsi sia con i rivali che con il suo avversario principale: la cabala.

Il portacolori della Honda parte con i favori del pronostico per questo ultimo appuntamento stagionale, per svariati motivi. In primo luogo ha un vantaggio in classifica che gli permetterebbe di concludere addirittura in undicesima posizione in caso di vittoria di Andrea Dovizioso. In secondo luogo sbarca su un tracciato congeniale sia al suo stile di guida sia alla sua moto, infine, viceversa, sa che il suo rivale e la Ducati non sono su un palcoscenico ideale.

A questo punto quali possono essere le preoccupazioni per il pilota catalano? I corsi e ricorsi storici. Mai fidarsi di un margine non definitivo nel corso dell’ultima gara. Commettere un errore in un momento simile è una eventualità che può essere sempre dietro l’angolo, e che costa a caro, carissimo prezzo. Per ulteriori informazioni Marquez potrebbe chiedere a Valentino Rossi che nella stagione 2006 gettò alle ortiche il suo Mondiale con una caduta rovinosa nelle prime fasi della gara di Valencia. Gara rovinata e titolo che andò a Nicky Hayden.

Quel giorno il “Dottore”, che scattava addirittura dalla pole position, commise un incredibile errore in curva 2 nel corso del terzo giro di gara. Scivolata che lo fece finire nella ghiaia di Valencia e lo costrinse ad una rincorsa disperata che non andò oltre il tredicesimo posto. Il suo rivale americano concluse sull’ultimo gradino del podio (vinse l’australiano Troy Bayliss su Ducati, davanti al compagno di scuderia Loris Capirossi) e si aggiudicò il titolo con appena 5 punti di vantaggio. Un caso eclatante che è rimasto nella memoria di tutti gli appassionati della MotoGP.

Un errore che costò il sesto Mondiale consecutivo per il pesarese e che fa drizzare le antenne a Marc Marquez. Questo, infatti, è il maggiore pericolo per lo spagnolo. Un momento di distrazione, un sorpasso azzardato, una frenata eccessiva, possono mettere a repentaglio un titolo iridato che, al momento, appare pressoché blindato in favore del portacolori della Honda. Ovviamente sembra impossibile pensare che un pilota esperto (e con un margine simile) possa sbagliare in maniera così grossolana. Anche il meteo, che prevede sole lungo tutto il corso del fine settimana, ridurrà a sua volta i rischi. Per cui starà tutto nel polso del pilota di Cervera. Il suo quarto titolo è ad un passo. 30 giri appena. Gli sarà sufficiente arrivare al traguardo se Dovizioso non vincerà. Sempre che il ricordo dell’errore di Valentino Rossi non si insinui nella mente di un Marquez che, ad oggi, non appare scalfibile da dubbi o tensioni paritcolari.

 

 

 





 

 

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL MOTOMONDIALE

alessandro.passanti@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

FOTOCATTAGNI

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top