Maratona New York 2017 – Vittoria a sorpresa di Shalane Flanagan, Keitany addio poker. Sara Dossena eccezionale sesta!

IMG-20171105-WA0002.jpg

Shalane Flanagan ha confezionato un’impresa magistrale e ha vinto la Maratona di New York, sovvertendo tutti i pronostici della vigilia e impedendo alla grande favorita Mary Keitany di firmare il mitologico poker consecutivo di successi, impresa mai successa nella storia. La 36enne statunitense ha trionfato di fronte al proprio pubblico, alzando le braccia al cielo a Central Park dopo una gara ben condotta e interpreta nel miglior modo possibile, coprendosi quando doveva e attaccando nel momento più importante.

Dopo l’argento sui 10000m alle Olimpiadi di Pechino 2008, il bronzo ai Mondiali di cross 2011 e il secondo posto nella Maratona di New York 2010, la nativa di Portland già sesta sui 42km di Rio 2016 si impone nella Grande Mela con il tempo di 2h26:54. La Flanagan ha attaccato insieme a Daska e a Keitany al 33esimo chilometro, facendo subito il vuoto. Il terzetto è proceduto di comune accordo fino al 36esimo chilometro quando l’americana ha piazzato l’allungo indemoniato, con una corsa eccezionale e dallo stile perfetto ha messo in croce le dirette rivali, il finale a Central Park è stata la passerella dei sogni. Mary Keitany ha concluso al secondo posto (2h27:52) precedendo di poco l’etiope Mamitu Daska.

L’Italia scopre una sbalorditiva Sara Dossena che a 32 anni ha fatto il proprio debutto nella Maratona dopo una carriera tra triathlon e duathlon. La bergamasca non era particolarmente accreditata alla vigilia ma ha sorpreso tutti fin dalle prime battute quando ha preso il comando della corsa. Non ha mai mollato il colpo, ha voluto fare gara alla pari con tutte le big, a tratti ha affiancato Keitany e Kiplagat. Si è dovuta inchinare soltanto all’attacco della Flanagan ma ha chiuso al sesto posto con un eccellente 2h29:39, cogliendo l’obiettivo di scendere sotto i 150 minuti ai suoi primi 42km. Abbiamo trovato una nuova maratoneta?

 

CLICCA QUI PER LA CRONACA MASCHILE

 





(foto Pier Colombo)

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top