Football americano, NFL 2017-2018: New England e Philadelphia schiacciasassi. Giorgio Tavecchio resta a guardare. New Orleans vince in rimonta

oa-logo-correlati.png

Classifiche che vanno via via definendosi nell’NFL 2017-2018. Dopo la Week 11 la situazione in vista della postseason appare sempre più chiara, anche se la lotta sarà come sempre aperta fino alla fine.

In testa alla AFC ci sono ovviamente i New Englans Patriots, che nell’incontro giocato a Città del Messico hanno letteralmente schiantato gli Oakland Raiders per 33-8. Dopo l’inizio di stagione poco convincente, i Pats si sono messi in moto, trascinati da un Tom Brady sontuoso (30/37, 339 yards, 3 TD). I campioni in carica sono stati devastanti anche in fase difensiva, costringendo il quarterback Derek Carr ad un brutto 28/49. Nel corso dell’incontro non è mai stato chiamato in causa Giorgio Tavecchio, rimasto a guardare i compagni sulla sideline (i Raiders non hanno calciato né un field goal né una trasformazione). Una sconfitta pesante per Oakland, che vede complicarsi la rincorsa alla wild-card. Hanno lo stesso record di New England (8-2), anche i Pittsburgh Steelers, che nel Thursday Night ha travolto per 40-17 i Tennessee Titans grazie al redivivo Ben Roethlisberger (30/45, 299 yards, 4 TD).

Il piatto forte della Week 11 era senza dubbio il Sunday Night che vedeva di fronte Philadelphia e Dallas, nello scontro diretto della NFC East. Non c’è stata storia, gli Eagles si sono mostrati una volta di più un rullo compressore, sbarazzandosi dei Cowboys, privi dello squalificato Ezekiel Elliott, per 37-9. Una vittoria frutto in attacco più della corsa che dei lanci: giornata in ufficio per Carson Wentz (14/27, 168 yards, 2 TD), mentre hanno impressionato Jay Aiayi (7 corse, 91 yards) e Corey Clement (6 corse, 50 yards). In difesa da segnalare il fumble di Dak Prescott portato in end zone da Nigel Bradham. Per Philly è l’ottava vittoria consecutiva, che vale il miglior record della Lega (9-1).

Ottavo centro di fila anche per New Orleans, che ha battuto i Washington Redskins per 34-31 all’overtime in quella che è stata la partita più emozionante della domenica. I Saints sembravano spacciati ma sono riusciti a rimontare 15 punti in 3 minuti (31-16) portando la gara all’overtime, dove hanno trionfato grazie ad un calcio di Wil Lutz. Gran prova di Drew Brees con 29/41, 385 yards e 2 TD ma soprattutto 11/11 negli ultimi due drive dei regolamentari. Il match più atteso di questo turno era invece quello tra i Minnesota Vikings e i Los Angeles Rams. Non c’è stata partita: la squadra di casa è stata autoritaria soprattutto in difesa, limitando il miglior attacco della Lega a soli 7 punti segnati (24-7). In attacco è stato Chase Keenum a muovere i fili (anche se Teddy Bridgewater è stato recuperato), chiudendo con 27/38 e 280 yards, mentre a segnare ci hanno pensato Latavius Murray (15 corse, 95 yards e 2 TD) e Adam Thielen (6 ricezioni, 123 yards e 1 TD).

La sorpresa di giornata è stata la sconfitta dei Kansas City Chiefs contro i New York Giants, vincitori per 12-9 al supplementare dopo che gli ospiti avevano pareggiato con un field goal allo scadere. Brutta sconfitta per Green Bay, che senza Aaron Rodgers si allontana sempre di più dai playoff. I Packers sono stati battuti per 23-0 in casa dai Baltimore Ravens ed ora vedono Minnesota prendere il largo nella NFC North. Alle spalle dei Vikings ci sono in ogni caso i Detroit Lions, che hanno avuto la meglio per 27-24 contro i Chicago Bears, complice il field goal sbagliato nel finale da Connor Barth. I Los Angeles Chargers hanno ridimensionato le ambizioni di playoff dei Buffalo Bills battendoli per 54-24. Un risultato netto, in cui va segnalata la disastrosa prova del qb Nathan Peterman, che al debutto da titolare in NFL ha lanciato ben cinque intercetti nel solo primo tempo.

Nel Monday Night successo chiave per gli Atlanta Falcons contro i Seattle Seahawks per rimanere in corsa per i playoff. Una battaglia a suon di giocate tra i due qb, Matt Ryan (19/27, 195 yards e 2 TD) e Russell Wilson (26/42, 258 yards e 2 TD), risolta sul fino di lana nel 34-31 finale. Seattle ha avuto l’opportunità di pareggiare allo scadere ma il field goal da 52 yards di Blair Walsh non ha centrato i pali. I Seahawks hanno quindi mancato l’aggancio ai Rams in vetta alla NFC West.

 

I risultati della Week 11

Pittsburgh Steelers – Tennessee Titans 40-17
Dallas Cowboys – Philadelphia Eagles 9-37
Miami Dolphins – Tampa Bay Buccaneers 20-30
Chicago Bears – Detroit Lions 24-27
Cleveland Browns – Jacksonville Jaguars 7-19
Green Bay Packers – Baltimore Ravens 0-23
Houston Texans – Arizona Cardinals 31-21
Minnesota Vikings – Los Angeles Rams 24-7
New Orleans Saints – Washington Redskins 34-31
New York Giants – Kansas City Chiefs 12-9
Los Angeles Chargers – Buffalo Bills 54-24
Denver Broncos – Cincinnati Bengals 17-20
Oakland Raiders – New England Patriots 8-33
Seattle Seahawks – Atlanta Falcons (stanotte alle 2.30)

Bye: Carolina Panthers, Indianapolis Colts, New York Jets, San Francisco 49ers

LE CLASSIFICHE

 





 

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL FOOTBALL AMERICANO

alessandro.tarallo@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: profilo Twitter Carson Wentz

Lascia un commento

scroll to top