Volley, Serie A1 2017-2018: primo bivio della carriera per Paola Egonu, a Novara l’obiettivo sarà lo scudetto

Paola-Egonu-Italia-volley-Grand-Prix.jpg

Questo fine settimana avrà inizio il campionato di A1 di volley femminile e Paola Egonu si ritroverà davanti a una sfida importante, se non cruciale, per la sua carriera. Dopo il boom in Nazionale, dove è diventata la bomber di riferimento per le compagne, grazie ai suoi colpi imprendibili e alle sue doti fisiche davvero impressionanti, dopo 4 anni lascerà il Club Italia per iniziare una nuova avventura con Novara. La società è reduce dallo scudetto dell’anno scorso conquistato con un rendimento eccezionale dell’opposto Katerina Barun che quest’anno giocherà con la maglia di Modena e ha lasciato il posto proprio alla Egonu. Per lei sarà una vera prova di maturità perché si troverà in una società ambiziosa che lotterà davvero per qualcosa di concreto e in squadra con lei ci saranno delle campionesse del suo calibro: dall’eterna Francesca Piccinini, all’esuberante Celeste Plak, dal capitano della Nazionale Cristina Chirichella a una delle centrali migliori in circolazione come Lauren Gibbemeyer.

Paola dovrà dimostrare di esserne all’altezza e di non subire la pressione delle partite importanti, lei che in azzurro ha dato sempre prova di carattere, ma che a volte è stata tradita dalla mancanza di esperienza e dalla sua giovane età. Nella passata stagione è stata lei la migliore giocatrice per rendimento e attacchi vincenti, dietro di lei proprio Katerina Barun che l’ha preceduta come opposto nella società piemontese.
Novara ha dimostrato con il suo mercato di volere ancora migliorare e di voler essere protagonista anche quest’anno, anche se la concorrenza sarà spietata. Sulla carta sembra non esserci, infatti, una favorita, ma diverse squadre che si sono rafforzate e che sembrano poter ambire tranquillamente ai trofei in palio. Solo il campo darà le risposte, intanto Paola Egonu si godrà questa sua nuova esperienza, che rappresenta un passo importante e inevitabile per la sua crescita personale: a soli 18 anni potrebbe arricchire il suo palmares che già vanta l’argento al Grand Prix quest’estate e potrebbe essere protagonista del cammino della sua squadra che giocherà non solo per lo scudetto e la Coppa Italia, ma anche in Champions League.

Tante occasioni per brillare e per dimostrare le proprie doti, ma anche per crescere e imparare dalle sue compagne più esperte. Coach Massimo Barbolini sarà fondamentale in questo percorso, lui che ha allenato fenomeni come Tai Aguero, Simona Gioli e Leo Lo Bianco e saprà sicuramente come trattare un talento come quello della diciottenne azzurra.
A partire da oggi, quando Novara se la vedrà con Busto Arsizio nella prima partita del campionato, gli occhi saranno puntati su di lei che, sicuramente, si farà trovare pronta all’appuntamento.





Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top