Tennis, Fed Cup 2018: le possibili avversarie dell’Italia nel Gruppo Mondiale II. Spauracchio Spagna, Canada abbordabile

tennis-garbine-muguruza-twitter-wimbledon-1-e1503036885501.jpg

L’Italia del tennis femminile sarà testa di serie nei sorteggi di mercoledì dell’edizione 2018 di Fed Cup: le azzurre, inserite nel Gruppo Mondiale II, ovvero il tabellone cadetto della competizione, avranno il 50% di possibilità di giocare il primo turno in casa.

L’incontro, fondamentale per il ritorno nell’élite mondiale, opporrà la formazione capitanata da Tathiana Garbin, ad una tra Australia, Canada, Slovacchia e Spagna: se l’Italia pescasse iberiche o australiane, organizzerebbe l’incontro nel Bel Paese, mentre se si trovasse di fronte canadesi o slovacche sarebbe costretta a giocare in trasferta.

La Spagna è lo spauracchio numero uno, poiché, pur occupando soltanto il 13° posto della classifica, può annoverare tra le proprie fila la numero uno WTA Garbine Muguruza, nonché una singolarista del rango di Carla Suarez Navarro e due buone doppiste come Lara Arruabarrena e María José Martínez Sánchez.

L’Australia, che occupa il 14° posto nel Ranking per Nazioni, può contare su singolariste del calibro di Daria Gavrilova,  Ashleigh Barty e  Samantha Stosur e su un doppio consolidato forato dalla stessa Barty e  Casey Dellacqua.

Il Canada, numero 15 della graduatoria, è forse l’avversaria meno temibile in questo momento, in quanto la sua esponente di spicco, Eugenie Bouchard, è scesa al numero 87 del mondo, mostrando da tempo una condizione non eccezionale, mentre sono in rapida ascesa le giovanissime Francoise Abanda e Bianca Andreescu, che presto entreranno tra le prime 100 al mondo.

La Slovacchia, al 16° posto della classifica per Nazioni, potrebbe schierare in singolare Dominika Cibulkova e Magdalena Rybarikova, che al momento, appaiono essere superiori alle nostre portacolori.

Più che scrutare le avversarie, l’Italia deve guardare in casa propria: Tathiana Garbin deve risolvere un vero e proprio rebus circa le tenniste da convocare. Camila Giorgi ha perso la propria battaglia contro la Federazione e non sarà convocata, Francesca Schiavone ha già annunciato il proprio ritiro a fine stagione e Roberta Vinci potrebbe imitarla, Sara Errani sarà rientrata dalla squalifica, ma da tempo appare la controfigura della giocatrice ammirata fino a qualche tempo fa. Si profila dunque un’altra Italia molto giovane, che dovrà soffrire per vincere.




Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Profilo Twitter Wimbledon

roberto.santangelo@oasport.it

Lascia un commento

scroll to top