Pentathlon, Mondiali Senior da dimenticare in casa azzurra. Deludono anche le donne

Tocchi-Sotero-fonte-FIPM.jpg

Seppur sia ancora in corso la staffetta mista ai Mondiali di Pentathlon in Egitto, non sarà certamente un eventuale exploit della coppia azzurra, comunque non ritenuta tra le favorite, a spostare di molto il giudizio sulla prova complessiva dell’Italia alla rassegna iridata.

Forte delusione nel settore femminile, dove si era molto speranzosi, ancor più dopo la qualificazione di tutte le nostre quattro pentatlete alla finale: la corsa alle medaglie era compromessa ormai già dopo la prova del ranking round di scherma del sabato. La medaglia è sfuggita anche nella classifica a squadre, dove l’Italia aveva sicuramente tutte le carte in regola per ambire quantomeno ad un gradino del podio.

Ancor più opaca la prova maschile, con il solo Riccardo De Luca qualificato alla finale, che comunque ha raggiunto lo stesso piazzamento della migliore delle azzurre: come Alice Sotero, anche lui ha chiuso 16°. Male per il resto tutti gli altri azzurri.

Passando alle staffette, detto di quella mista in corso, quella femminile è stata quella che più a lungo a sentito odore di medaglia, partendo seconda nel Laser Run, ma sciupando tutto e concludendo settima. Peggio ha fatto la staffetta maschile, soltanto dodicesima al termine di una prova assolutamente anonima.

Nel complesso è stata una settimana da dimenticare per i pentatleti azzurri: la nostra Nazionale vince tantissimo a livello giovanile (e domani inizieranno gli Europei Youth A in Portogallo), ma deve ancora fare il salto di qualità definitivo a livello Senior, almeno nelle competizioni iridate: a Tokyo 2020 saranno 28 gli anni passati dall’ultima medaglia olimpica nella specialità.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: FIPM

roberto.santangelo@oasport.it




Lascia un commento

scroll to top