Beach volley, Mondiali Vienna 2017. Ranghieri/Carambula si inchinano a Lucena/Dalhausser. Azzurri 17mi

Si ferma davanti a una delle coppie più forti del mondo la corsa di Alex Ranghieri e Adrian Carambula, la seconda coppa azzurra iscritta nel torneo maschile del Mondiale di Vienna. Ci hanno provato, gli italiani, soprattutto nel primo dei due set giocati, ad impensierire i forti statunitensi Lucena/Dalhausser ma alla fine ha vinto 2-0 la coppia più solida.

I rimpianti non mancano per gli azzurri che hanno giocato un match a sprazzi, commettendo però troppi errori. Soprattutto Carambula in fase di cambio palla è stato poco efficace anche in situazioni non estreme (la ricezione è sempre stata ottima) e l’impressione è che le soluzioni studiate dalla coppia azzurra per cercare di scalfire le certezze dei rivali siano state piuttosto monocordi.

Nel primo set si procede a strappi: break e contro break delle due coppie con gli azzurri che partono meglio (5-3) e gli statunitensi a provare la fuga sul 9-12. La coppia italiana si aggrappa al muro di Ranghieri che frutta il pareggio a quota 15 ma subito dopo arriva il break con il doppio errore di Carambula: 18-15 che di fatto decide il set, vinto 21-18 da Lucena/Dalhausser.

Nel parziale successivo partenza a razzo degli statunitensi (5-1) e risposta degli azzurri che si portano sul 7-8 dopo un’invasione di Lucena. La coppia italiana resta in scia fino al 10-12, poi subisce un break micidiale di 1-7 che lancia gli statunitensi sul 19-11. Gli statunitensi si concedono una piccola distrazione permettendo ai rivali di arrivare fino a quota 17, poi ci pensa Lucena, dopo due errori consecutivi, a chiudere il punto del 21-17. Per Ranghieri/Carambula un 17mo posto che potrebbe segnare il primo e ultimo risultato ad un Mondiale assieme, visto che la separazione sembra sempre più vicina e il capolinea potrebbero essere gli Europei di Jurmala.

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Badminton, New Zealand Open 2017: i risultati della terza giornata. Non cade alcuna testa di serie

Ciclismo, Europei 2017: Victor Campenaerts campione continentale, Bodnar battuto di 2”. Filippo Ganna nono