Tuffi, Mondiali Budapest 2017: Xie Siyi batte Hausding e Zakharov da 3 metri! Finale memorabile, podio delle rivincite

La finale più attesa. La finale più bella. La finale delle rivincite. Che spettacolo nei 3 metri maschili al Mondiale di Budapest! Vince il cinese Xie Siyi, due anni fa oro da 1 metro, alla prima grande occasione della carriera: è lui a svettare mentre il suo connazionale più quotato, Cao Yuan, campione olimpico e primo dopo la semifinale, sbaglia l’impossibile da metà gara in poi e chiude solo decimo.

L’argento è del tedesco Patrick Hausding, mai sul podio individuale iridato ma già bronzo a Rio 2016, che a Kazan 2015 era stato costretto a ritirarsi in finale per un infortunio: a 28 anni sta vivendo una giovinezza infinita. E il bronzo è del russo Ilya Zakharov, che dopo un orribile 2016 (settimo in sincro e fuori dalla finale in Brasile) completa la stagione della definitiva riscossa: oro europeo, oro mondiale in sincro e bronzo individuale da 3 metri.

Strepitosa la finale e, di conseguenza, strepitosi i punteggi. 547.10 per Xie Siyi, che prende anche un 10 nel triplo e mezzo indietro raggruppato. 526.15 per Hausding, 98.80 con il quadruplo e mezzo avanti carpiato. 505.90 per Zakharov, che pure sporca il doppio e mezzo avanti con tre avvitamenti (72.15). Con oltre 500 punti si rimane giù dal podio: chiedere al messicano Rommel Pacheco (quarto con 501.60, una prima parte di gara non all’altezza, poi 100.70 con l’ultimo tuffo) e al britannico Jack Laugher (quinto, 500.65), che dopo tre estati di fila saluta il podio mondiale. Ci tornerà, probabilmente, ma oggi a festeggiare sono un 21enne e due vecchie volpi europee che non hanno alcuna intenzione di smettere di regalare emozioni.

I RISULTATI COMPLETI

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: YouTube Fina (Xie Siyi oro da 1 metro a Kazan 2015)

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tour de France 2017: Bardet, tattica sconsiderata. Fa sfiancare la squadra, ma non ha le gambe per attaccare

Calcio: il giudice accoglie la richiesta del fisco. In carcere il presidente della Federcalcio Spagnola Ángel María Villar e suo figlio