Golf, PGA Tour 2017. Bryson DeChambeau conquista il John Deere Classic! Che volata con Patrick Rodgers!

Bryson-DeChambeau-Golf-John-Deere-Classic-2017-Twitter-PGA-Tour.jpg

Una volata entusiasmante consegna alla storia un giovane talento made in USA. Bryson DeChambeau ha conquistato la vittoria nel John Deere Classic (montepremi 5,6 milioni di dollari), torneo inserito nel circuito del PGA Tour 2017, al termine di una battaglia sfiancante fino all’ultima buca sul percorso par 71 del TPC Deere Run di Silvis (Illinois). Il 23enne golfista statunitense ha mostrato una lucidità degna di un veterano nei momenti chiave dell’ultimo round e ha ottenuto il suo primo successo nel circuito del PGA Tour, grazie ad un birdie alla buca 18 che gli ha consentito di chiudere la sua prova con 266 colpi (-18) e di staccare di una lunghezza il connazionali Patrick Rodgers.

E il rimpianto è enorme per il secondo classificato, che ha letteralmente dominato la scena fino all’inizio dell’ultima tornata, preservando due colpi di vantaggio su DeChambeau a due buche dalla fine. Un bogey alla 17 ha permesso a DeChambeau di arrivare a contatto con un fantastico birdie, reiterato poi alla 18 con conseguente resa per Rodgers, il quale ha comunque difeso il secondo posto dalla rimonta di Bryan, autore del miglior giro di giornata (-7) e di cinque birdie consecutivi tra la 13 e la 17 che gli hanno consentito di recuperare 24 posizioni e di insediarsi al terzo posto a pari merito con Rick Lamb a quota -16.

Un quintetto tutto statunitense, inoltre, si è piazzato al quinto posto: si tratta di Daniel Berger, Scott Stallings, Jonathan Byrd, Zach Johnson e soprattutto Steve Stricker, che con un round in 64 colpi ha rimontato ben 30 posizioni in classifica, chiudendo in 269 colpi (-15) all’interno del nutrito plotone. A completare la festa a stelle e strisce ci hanno pensato Brian Harman e J. J. Henry, che hanno completato la top ten portando a termine la loro prova in 270 colpi. Il primo atleta non “indigeno” è l’australiano Cameron Percy, dodicesimo ma incluso in un gruppo che comprende altri sei statunitensi, testimonianza evidente del monopolio che gli americani hanno imposto nel torneo dell’Illinois. I grandi favoriti, intanto, si sono nascosti chiudendo la competizione nelle retrovie: Bubba Watson e Kevin Kisner non sono andati oltre il 44° posto, mentre William McGirt ha fatto ancora peggio e si è dovuto accontentare del 71° posto. Ma intanto il British Open incombe e i principali protagonisti internazionali della disciplina già scaldano i motori per puntare alla conquista del terzo Major stagionale.

mauro.deriso@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Twitter PGA Tour

Lascia un commento

Top