Tuffi, Europei Kiev 2017: la Russia si riprende l’oro nel sincro 3 metri. Bravi Auber-Marsaglia: quinti

auber.marsaglia.sincro.rostock.2017.tuffi_.foto_.fb_.auber_.con_.suo_.permesso.jpg

Non sfigurano alla prima finale europea della loro carriera, anzi. Gabriele Auber e Lorenzo Marsaglia sono quinti nel sincro dal trampolino 3 metri a Kiev. Settimi a febbraio al Grand Prix di Rostock e quarti a fine maggio in quello di Madrid, gli azzurri rimangono a meno di dieci punti di distanza dal podio per oltre due terzi di gara e alla fine chiudono con 374.88 punti.

Davanti a loro sole le coppie più esperte ed affiatate: con un quadruplo e mezzo avanti raggruppato conclusivo da 95.76 punti, i russi Ilya Zakharov ed Evgenii Kuznetsov (427.71) superano in volata gli ucraini Illya Kvasha e Oleg Kolodiy (426.96) e conquistano il loro sesto oro in sette anni. Bronzo ai britannici Feck Frederick Woodward e James Healty (395.61), che anticipano di due punti i tedeschi Patrick Hausding e Stephan Feck (393.39).

I due azzurri – classe ’94 Auber, cresciuto a Trieste ora a Roma, ’96 Marsaglia, romano doc – pagano qualcosa con il secondo obbligatorio (rovesciato, 45.60) e si approcciano ai liberi a quota 94.80. Però poi non sbagliano nulla, conducendo in porto una gara pulita, senza errori e con la soddisfazione di 72.45 punti con il loro tuffo più difficile, l’avvitamento rovesciato da coefficiente 3.5.

Alle 17 l’Italia si giocherà invece le medaglie: attesa per la finale femminile da 1 metro con Elena Bertocchi prima dopo l’eliminatoria. Presente anche la 14enne Chiara Pellacani, decima questa mattina.

Risultati finale sincro 3 metri maschile:
1. Russia 427.71
2. Ucraina 426.96
3. Gran Bretagna 395.61
5. Italia 374.88

I RISULTATI COMPLETI

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo dei tuffi azzurri

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Facebook Gabriele Auber

Lascia un commento

Top