Pallanuoto, Super Final World League 2017: il Settebello vuole vincere con vista sui Mondiali

Rio2016-Waterpolo-0812-STAST5_2726.jpg

Una rosa che per nove tredicesimi rispecchia quella che ha conquistato una splendida medaglia di bronzo a Rio de Janeiro. Quattro cambi ci sono, ed erano anche scontati visti i ritiri dalla nazionale di uomini come Stefano Tempesti e Christian Presciutti. L’allenatore, ovviamente, è sempre lo stesso e non si tocca: Sandro Campagna. Il Settebello inizia una nuova estate di fuoco: in Russia, in quel di Ruza, si giocano le Super Final di World League.

Un torneo che non è mai stato troppo amato dall’Italia, che non è mai riuscita ad aggiudicarselo. Al massimo il Settebello si è spinto al secondo posto, nelle edizioni di 2003 e 2011 (in casa). Un podio anche nel 2012 e poco più. L’obiettivo ovviamente, con una squadra del livello di quella azzurra, è quello di puntare più in alto possibile, magari alla vittoria. Sembra però difficilissimo: le avversarie sono davvero agguerrite, la Serbia sta continuando una striscia pazzesca di successi che dura dal 2012.

La caccia alla medaglia è comunque apertissima: viste le assenze due superpotenze come Ungheria e Montenegro, Gallo e compagni dovranno preoccuparsi solo della già citata Serbia, della Croazia e di ostacoli oltreoceano come Stati Uniti ed Australia, che appaiono comunque alla portata. Andarsi a giocare una finale con i campioni olimpici serbi potrebbe essere un sogno: Campagna comunque punterà tanto sull’affiatamento in vista dell’appuntamento più importante della stagione, i Mondiali di Budapest. 

gianluca.bruno@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

scroll to top