Calcio, Europei Under21 2017: Polonia-Slovacchia 1-2. Amaro esordio per i padroni di casa

Polonia-Under21-Twitter-Uefa-U21-Euro.jpg

Scattati in Polonia gli Europei Under 21 che, in maniera del tutto atipica, hanno visto i padroni di casa giocare la seconda partita in programma. Per il Girone A, la Slovacchia ha battuto a sorpresa la Polonia per 2-1 e, in virtù dello 0-0 inaugurale tra Svezia ed Inghilterra, è volata solitaria in vetta alla classifica.

La Polonia, in maglia bianca, si schiera con il 4-2-3-1, con Stepinski principale bocca da fuoco, mentre la Slovacchia, in maglia blu, risponde con un conservativo 4-1-4-1, con Zrelak unico terminale offensivo, preferito, a sorpresa, a Safranko.

Pronti via e i polacchi sono già in gol: passano 55″ e, su cross di capitan Kędziora, Lipski buca subito il portiere avversario Chovan. Gli slovacchi, considerati alla vigilia come la Cenerentola del girone, barcollano ma non crollano nonostante il gol subito a freddo. Rusnak al 5′ prova la botta da fuori, ma Wrabel si rifugia in angolo.

Per dieci minuti il gioco diventa soporifero, con le squadre lente e macchinose, impegnate in una fase di studio in mezzo al campo. Dopo uno schema su azione d’angolo non concretizzato dai padroni di casa, come un fulmine a ciel sereno al minuto 20 la Slovacchia trova il gol del pareggio: Chrien, spalle alla porta, vede l’accorrente Valjent e lo serve appena all’interno dell’area di rigore. Il numero 4 slovacco colpisce a botta sicura e trafigge l’incolpevole Wrabel.

Il gol fa bene alla rappresentativa in maglia blu, che accelera e cerca addirittura il gol del vantaggio: sotto una pioggia che si fa sempre più insistente, Mihalik con una sassata da fuori manda in crisi il portiere polacco che però si riscatta con un miracolo sul tap-in di Zrelak. Dopo lo scampato pericolo i padroni di casa abbassano i ritmi di gioco, ma gli slovacchi al 40′ sfiorano ancora la realizzazione con Rusnak.

La ripresa si apre nuovamente con una Polonia arrembante che al 47′ sfiora il gol con Frankowski, il quale tenta un tunnel all’estremo difensore avversario, ma Chovan si supera. Kapustka si infortuna tra i polacchi, prova a stringere i denti ma al 59′ deve alzare bandiera bianca e lasciare il posto a Moneta.

Nonostante i ritmi davvero blandi, è sempre la Polonia a fare la partita, mentre la Slovacchia sembra essere rimasta negli spogliatoi. La gara, a tratti priva di emozioni, scivola via senza sussulti. Hapal poco prima della mezz’ora della ripresa decide finalmente di mandare in campo Safranko al posto di un evanescente Zrelak.

All’improvviso si infiamma la sfida. Al 76‘ lampo polacco con Linetty che colpisce di potenza dall’interno dell’area avversaria senza però trovare lo specchio della porta: Chovan non ci sarebbe mai arrivato. Gol sbagliato, gol subito: al 78′ proprio Safranko, entrato da appena 5 minuti, lancia il contropiede e si ritrova, fortunosamente, dopo un rimpallo, solo davanti a Wrabel. L’attaccante non sbaglia e porta clamorosamente in vantaggio la Slovacchia.

La Polonia si scuote e Chovan all’80 è costretto ad un altro vero e proprio miracolo sul colpo di testa di Dawidowicz, mandando la palla a sbattere sulla traversa. Girandola di cambi: la Polonia cerca disperatamente il pari, la Slovacchia si copre. La pressione dei padroni di casa si fa sentire ma la selezione di Hapal si difende con ordine senza concedere troppi spazi ai polacchi e non corre ulteriori rischi, portando a casa una vittoria pesantissima nell’economia del girone.

TABELLINO
Polonia – Slovacchia 1-2 (1-1)
Marcatori: 1′ Lipski (P), 20′ Valjent (S), 78′ Safranko (S).
Polonia (4-2-3-1):
 Wrąbel; Kędziora,  Bednarek,  Jach,  Jaroszyński;  Dawidowicz, Linetty;  Frankowski,  Lipski (dall’82’ Niezgoda),  Kapustka (dal 59′ Moneta);  Stępiński (dall’85’ Piątek).  A disposizione:  Drągowski,  Stryjek,  Bielik,  Łasicki,  Szymiński,  Murawski,  Kubicki,  Buksa,  . Ct: Dorna.
Slovacchia (4-1-4-1): Chovan;  Valjent, Niňaj, Škriniar, Mazáň; Lobotka; Rusnák, Bero (dal 91′ Bénes),  Chrien,  Mihalík (dall’82’ Haraslín); Zreľák (dal 73′ Šafranko). A disposizione: Rodák, Jakubech, Huk,  Šatka,  Skovajsa,  Vavro,  Špalek,  Káčer, Vestenický. Ct: Hapal.
Arbitro: Gözübüyük (Ned).
Note: gara giocata sotto la pioggia. Recupero: 0′ pt, 4′ st. Ammoniti: Škriniar (S), Safranko (S).


Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Profilo Twitter Uefa U21 Euro

roberto.santangelo@oasport.it

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top