24 Ore di Le Mans 2017 (aggiornamento dopo 21 ore): clamoroso! Problemi per la Porsche 919 Hybrid numero 1! In testa la LMP2 Oreca 07 #38 del Jackie Chan DC Racing. La Porsche #2 prova la grande rimonta

N24-Ore-Le-Mans-Porsche-919-Hybrid-Timo-Bernhard-Earl-Bamber-Brendon-Hartley.jpg

La 24 Ore di Le Mans non è mai decisa e scontata, ed anche l’edizione 2017 conferma tale regola. Dopo i problemi avuti dalla Toyota nel corso della nottata, a poco meno di 4 ore dal termine della corsa è la Porsche 919 Hybrid #1, guidata in quel frangente da Andrè Lotterer, a rallentare clamorosamente per problemi tecnici, sembra alla pressione dell’olio. La vettura della casa tedesca, dopo numerosi tentativi di ripartire per giungere ai box e risolvere il problema, si è definitivamente fermata, dovendo dunque abbandonare il sogno di gloria così vicino, vantando infatti prima dell’inconveniente ben 13 giri di margine sul più diretto inseguitore, la LMP2 #38 del Jackie Chan DC Racing guidata da Thomas Laurent, ora inaspettatamente al comando della gara.

In forte rimonta vi è l’unica LMP1 superstite nelle posizioni che contano, seppur anch’essa rallentata da un problema elettrico nelle fasi iniziali della corsa: la Porsche 919 Hybrid #2, con alla guida Brendon Hartley, sta infatti macinando un ritmo irresistibile per le meno competitive LMP2, riportandosi in seconda posizione e puntando, se non ci saranno ulteriori problemi tecnici, addirittura alla vittoria, avendo infatti 2 giri di ritardo dall’attuale leader della classifica generale.

Riguardo alla LMP2, detto del team Jackie Chan che prova a giocarsi la vittoria generale, sul podio virtuale troviamo al momento la Vaillante Rebellion #13, con Mathias Beche alla guida, staccata di due giri dal vertice della categoria, a precedere di poco meno di un minuti e mezzo la Signatech Alpine #13, condotta da Pierre Ragues.

Cambio della guardia nella classe LM GTE-Pro, con l’Aston Martin #97, guidata da Daniel Sierra, che ha appena superato la rivale Corvette Racing #63, condotta da Jan Magnussen (papà del pilota di F1, Kevin), in un duello che si presume tirato ed incerto fino all’ultimo istante.

Infine, nella GTE AM è dominio Ferrari, con le vetture della casa di Maranello che stanno monopolizzando il podio di categoria. Al comando la #84 di JMW Motorsport, con Will Stevens, che vanta più di due minuti su la #55 dello Spirit Race guidata da Aaron Scott ed oltre 3 minuti sulla #62 Scuderia Corsa, con a bordo Cooper MacNeil.

LMP 1

1° Porsche LMP Team #2 (Brendon Hartley), 2° assoluto
2° Toyota Gazoo Racing #8 (Kazuki Nakajima), +52.2, 10° assoluto

LMP 2

1° Jackie Chan DC Racing #38 (Laurent Thomas), 1° assoluto
2° Vaillante Rebellion #13 (Matthias Beche), + 2 giri, 3° assoluto
3° Signatech Alpine Matmut #35 (Pierre Ragues), + 1:21.0, 4° assoluto

LM GTE Pro

1° Aston Martin Racing #97 (Daniel Sierra), 17° assoluto
2° Corvette Racing GM #63 (Jan Magnussen), +1.1, 18° assoluto
3° Porsche GT Team #91 (Patrick Pilet), +16.4, 19° assoluto

LM GTE Am

1° JMW Motorsport #84 (Will Stevens), 28° assoluto
2° SPIRIT OF RACE #55 (Aaron Scott), + 30 giri, 29° assoluto
3° Scuderia Corsa #31 (Cooper Macneil), +32 giri, 31° assoluto

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

davide.brufani@oasport.it

Foto: Pier Colombo

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top