Giro d’Italia 2017, sedicesima tappa: Rovetta-Bormio. C’è la Cima Coppi


Sedicesima tappa per il Giro d’Italia 2017: martedì 23 maggio una frazione a cinque stelle di difficoltà, partenza da Rovetta e arrivo a Bormio dopo 222 chilometri e tre GPM durissimi. Si potrà davvero fare grandi differenze.

Start da Rovetta, che ha già ospitato una partenza del Giro nel 2008, primo tratto semplice, ma è solo riscaldamento rispetto a quello che aspetta i corridori. Dopo il traguardo volante di Malonno si inizia a salire: è il momento del Passo Mortirolo, scalato solo una volta da questo versante. 12 chilometri e 600 metri, pendenze meno cattive rispetto alla salita affrontata più volte negli ultimi anni, ma non di certo semplici (media sul 7%, ma con un breve tratto che spiana e ultima parte durissima nettamente oltre il 10%). Lunga discesa, rifornimento, si passa per Bormio e si riinizia a salire verso la Cima Coppi: lo storico Passo dello Stelvio. Un’ascesa che non finisce mai: addirittura 21 chilometri, con pendenza costante sempre intorno al 7%, ma è soprattutto è il dislivello a far male, si va oltre i 2700 metri di altitudine.

Scollinati sulla Cima Coppi non saranno terminati i problemi per i corridori. Lunghissima discesa, a tratti anche molto ripida, secondo traguardo volante di giornata e sconfinamento in Svizzera per approcciare il terzo ed ultimo GPM di giornata: Umbrail Pass. Salita sostanzialmente inedita, ma durissima: 13 chilometri al 9% di pendenza media, per scollinare a 2500 metri. Si rientra in terra italiana, lunga discesa e arrivo tradizionale a Bormio.

TUTTE LE TAPPE

Lascia un commento

scroll to top