Rally del Messico 2017: Vince Kris Meeke, ma che emozioni nel finale!

Dopo un sabato a tutta, nel quale ha preso lo scettro del comando, Kris Meeke su Citroen C3 ha chiuso il Rally del Messico addirittura in crescendo, dominando la Prova Speciale numero 18 e centrando il successo finale (quarto successo in carriera, dopo due affermazioni al Rally d’Argentina e una al Rally del Portogallo). Completano il podio un solido Sebastien Ogier (Ford Fiesta) e Thierry Neuville (Hyundai i20) che si è consolato con la vittoria nella Power Stage finale. Le emozioni sono state pazzesche, dato che Meeke, che sembrava gestire una Power Stage finale senza correre rischi, quando ormai era all’arrivo ha sbagliato una curva, ritrovandosi addirittura in un parcheggio. Il britannico è miracolosamente tornato sul tracciato nonostante una ruota forata ed è andato a vincere nella maniera più incredibile che si potesse pensare. Emozioni a non finire! Meeke vince e Ogier torna in vetta al Mondiale.

ORDINE DI ARRIVO DEL RALLY DEL MESSICO 2017:

1 MEEKE CITROEC C3
2 OGIER FORD FIESTA +13.8
3 NEUVILLE HYUNDAI +59.7
4 TANAK FORD FIESTA +2:18
5 PADDON HYUNDAI +3:32
6 LATVALA TOYOTA +4:40
7 HANNINEN TOYOTA +5:06
8 SORDO HYUNDAI +5:22
9 EVANS FORD FIESTA +8:41
10 TINDEMAN SKODA +10.51

SS18 La Calera – Nella mattinata messicana si sono corsi questi 32.96km impegnativi e selettivi che hanno visto, ancora una volta, il successo del britannico della Citroen C3 capace di rifilare altri 6.3 secondi a Sebastien Ogier (Ford Fiesta), 12.6 secondi a Stephane Lefebvre (Citroen C3) e 12.9 secondi a Thierry Neuville (Hyundai i20). Il nord-irlandese doveva rintuzzare gli ultimi disperati attacchi degli inseguitori e, invece, ha nuovamente allungato, dimostrandosi davvero a suo agio sugli sterrati centramericani. Alle loro spalle, più staccati, troviamo Dani Sordo (Hyundai i20) a oltre 20 secondi, quindi Hayden Paddon (Hyundai i20) ad un solo millesimo di distacco da Sordo, quindi Jari-Matti Latvala (Toyota Yaris) a 23.4 secondi (nella giornata di sabato il finlandese aveva dovuto far fronte a problemi di surriscaldamento del motore e anche dei freni). Il primo degli italiani è stato Lorenzo Bertelli (Ford Fiesta)che ha chiuso con un buon dodicesimo posto staccato di un minuto esatto da Meeke. Prima della partenza di questo stage si era ritirato il messicano Miguel Medina (Ford Fiesta R2), mente il connazionale Francisco Name Junior (Mitsubishi Lance EVO X= è stato penalizzato di 10 secondi. Ad una Prova Speciale dalla fine la classifica vedeva Kris Meeke (che fino ad oggi aveva conquistato appena 2 punti nel Mondiale) gestire un vantaggio di ben 37.2 secondi su Ogier, 1:23 su Thierry Neuville e addirittura 2:38 su Ott Tanak (Ford Fiesta). che aveva concluso La Calera in ottava posizione con un pesante ritardo di 25.6 secondi. Nelle posizioni successive c’erano Hayden Paddon, Jari-Matti Latvala (a quasi 5 minuti) e Juho Hanninen, che precedeva Dani Sordo. Il nostro Lorenzo Bertelli aveva recuperato una posizione, portandosi in sedicesima, con un distacco di un’ora e quattro minuti dalla vetta.

SS19 Derramadero-Power Stage – Gli ultimi 21.94 chilometri del Rally del Messico, corsi ancora una volta davanti a una splendida cornice di pubblico hanno proposto le consuete insidie rappresentate dagli sterrati, come un basso grip, e la necessità di impostare le curve per uscire nella maniera più lineare possibile. Questo Power Stage (con i suoi 5 punti ulteriori) se l’è aggiudicato uno strepitoso Thierry Neuville che ha preceduto di appena due centesimi Sebastien Ogier e quindi Ott Tanak. Grandi emozioni, come detto, per il quasi suicidio sportivo di Meeke che si è ritrovato fuori pista a fare zig zag tra le auto parcheggiate. Ottavo posto nello stage ma ancora 13 secondi che lo mantengono davanti a tutti nella Classifica Generale.

CLASSIFICA GENERALE MONDIALE RALLY DOPO TRE PROVE:

1 OGIER 66 punti
2 LATVALA 58 punti
3 TANAK 48 punti
4 SORDO 30 punti
5 NEUVILLE 28 punti
6 MEEKE 27 punti
7 BREEN 20 punti
8 EVANS 20 punti
9 PADDON 17 punti
10 LEFEBVRE 10 punti

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

FOTOCATTAGNI

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Volley, SuperLega – Playoff Scudetto: Modena ultima semifinalista! Verona non ha scampo al PalaPanini, ora sfida a Civitanova

Atletica, Coppa Europa di Lanci – Trionfo dell’Italia: prima volta nella storia! Quarte le donne