Ginnastica, Igor Cassina completa la sua prima Maratona! Il Campione Olimpico sotto il muro delle 4 ore

Igor Cassina ha concluso la prima Maratona della sua carriera! Il Campione Olimpico alla sbarra di Atene 2004 ha infatti terminato i 42,195 km di Treviso in 3h59:35, scendendo così sotto le 4 ore, un vero e proprio muro per i tanti amatori della domenica.

Il 39enne di Meda ha vinto la propria sfida con la sorella Mara e ha dato l’ennesima prova di grande caparbietà sportiva. Il suo obiettivo era proprio quello di chiudere la sua fatica, magari attorno alle 3h45, al debutto assoluto nella disciplina: non ci sono naturalmente velleità agonistiche.

Cassina ha concluso in 446esima posizione assoluta (50esimo nella categoria SM40, 389esimo tra tutti gli uomini al via). La gara, come da pronostico della vigilia, è stata vinta da Stefano La Rosa in 2h12:26, alla sua prima gara dopo le Olimpiadi di Rio 2016: si tratta del secondo successo nella Treviso Marathon per il 31enne che ha sconfitto il kenyota Wesley Kiprono Kemboi (2h16:32) e l’ugandese Simon Rugut Kipngetich (2h23:40). Al femminile successo della kenyota Lucy Liavoga (2h25:12) davanti alle croate Marija Vrajic (2h52:29) e Kasmina Iljas (2h55:55). Nelle mezze maratone si sono invece imposti Rosaria Console (1h13:29) e Fabio Bernardi (1h10:06).

 

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Igor Cassina

ultimo aggiornamento: 05-03-2017


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sci di fondo, Mondiali 2017: Alex Harvey re della 50 km tl, Sergey Ustiugov è d’argento

Sci alpino, slalom Kranjska Gora 2017: primo successo per Michael Matt ed ottima prova di squadra per gli Azzurri. Le pagelle