Ciclismo, Strade Bianche femminile 2017: si apre il World Tour. Elisa Longo Borghini guida le azzurre


Si apre con una delle corse dallo scenario più bello il Women’s World Tour. Sabato sui 127 chilometri da Siena a Siena (Piazza del Campo), andrà in scena la Strade Bianche, giunta alla terza edizione per quanto riguarda il gentil sesso. Corsa simile a quella maschile: saranno ovviamente di meno i tratti di sterrato (solo quattro). Possibile che arrivi al traguardo un gruppetto che si giocherà il successo sull’ultimo strappo.

Vorrà ripartire da dove ha iniziato la Boels – Dolmans, che lo scorso anno dominò nella prima parte il massimo circuito internazionale. Per il team olandese due su due nelle scorse edizioni: nel 2015 vinse Megan Guarnier, lo scorso anno a trionfare con la maglia iridata fu Lizzy Armitstead (da sposata Deignan). Saranno ancora una volta loro le atlete da seguire.

A provare a contrastare lo squadrone olandese ci sarà il nuovo WM3 Energie, che è andato a sostituire la Rabobank, scomparsa dal circuito. Due pezzi da novanta: Marianne Vos e, soprattutto, la polacca Katarzyna Niewiadoma, già protagonista nel 2016 con la terza piazza.

Tantissime le italiane al via, ovviamente con diverse ambizioni. Colei che proverà a portare in alto il tricolore sarà ovviamente Elisa Longo Borghini (Wiggle High5): classica che si addice molto alle caratteristiche della medaglia di bronzo olimpica, ai piedi del podio nella passata edizione. Proveranno a giocarsi la vittoria anche Elena Cecchini (Canyon Sram Racing) e Rossella Ratto (Cylance Pro Cycling). Da seguire il team Valcar BPM, con tante delle più talentuose giovani azzurre, a partire dalla campionessa del mondo junior Elisa Balsamo.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Pier Colombo

Lascia un commento

scroll to top