Moto Gp, test Losail 2015: volano le Ducati, a Rossi e Lorenzo manca mezzo secondo

Gli ultimi test MotoGp di Losail, terminati in anticipo causa maltempo, nella giornata di lunedì 16, hanno dato delle informazioni molto importanti sullo stato di forma dei piloti, oltre che sulla messa a punto delle nuove moto. Per i tifosi italiani ci sono splendide notizie che arrivano dalla Ducati. La Rossa di Borgo Panigale, infatti, ha stupito e non poco tanti addetti ai lavori, riuscendo in entrambe le due giornate in cui è stato possibile girare, chiudere in testa, con tempi sempre piuttosto interessanti. Straordinarie le prove di Andrea Dovizioso ed Andrea Iannone che ora fanno pensare alla possibilità di chiudere davanti a tutti qualche gara nel corso dell’anno.

Neanche a dirlo, l’unico pilota in grado di insediarsi tra i due centauri italiani è stato Marc Marquez, sempre costante in tutti i test invernali, unico pilota che per tutta la pausa tra la Moto Gp 2014 e la MotoGp 2015 non ha lasciato dubbi sul fatto che sarà assoluto protagonista anche in questa stagione. Per quanto siano stati buoni i tempi dello spagnolo numero 99, non si può dire altrettanto per il suo compagno di squadra Daniel Pedrosa. Sempre oltre il mezzo secondo di ritardo: l’iberico mostra notevoli difficoltà, e sembra ancora una volta che neanche questo possa essere l’anno della sua consacrazione.

Notizie meno confortanti rispetto a quelle delle settimane scorse, arrivano dal mondo Yamaha. Sia Valentino Rossi che Jorge Lorenzo non si sono espressi al massimo delle loro potenzialità, trovando sempre piccoli problemini che non hanno permesso loro di girare su tempi competitivi. Confermato anche dai due piloti stessi, alla scuderia giapponese manca circa mezzo secondo per presentarsi alla prima gara del Motomondiale 2015 nelle condizioni necessarie per provare a vincere. 

In casa Aprilia, le notizie purtroppo sono sempre le stesse. Marco Melandri continua a chiudere ogni giornata di test all’ultimo posto in ritardo sui primi tempi di circa tre secondi. Un po’ meglio di lui ha fatto invece Alvaro Bautista, il quale ha mostrato qualche progresso interessante. 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Ducati

enrico.giorgi@olimpiazzurra.com

 

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
1 Comment
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Luca46
Luca46
6 anni fa

Mi aspetto una stagione migliore di quella appena passata per Rossi, Dovizioso e Iannone. Quanto a Melandri era meglio tenerlo in SBK perché qui non lo vedo motivato e perché in SBK poteva finalmente vincere il titolo.

Motomondiale: Ducati un 2015 di rivincite e polemiche strumentali

Moto2-Moto3, test Jerez de la Frontera 2015: ancora maltempo, bene Morbidelli