Sci alpino: superg Saalbach, Mayer fa il bis. Marsaglia 6°

mayer.jpg

Secondo successo in due giorni per Matthias Mayer, che fa suo anche il supergigante di Saalbach dopo aver vinto in discesa. La Schneekristall si conferma dunque un terreno di caccia prediletto per il campione olimpico della libera, anche in una giornata con un po’ di foschia e lievi precipitazioni ad aumentare ulteriormente la difficoltà della gara.

L’allenatore statunitense Forest Carey disegna un tracciato con poco spazio tra una porta e l’altra, quasi fosse un gigantone pensato, com’è logico, per favorire Ted Ligety: ironia della sorte, l’iridato del gigante compromette la sua prova proprio in quei passaggi. Mayer, che qualche gara tra le porte larghe l’ha fatta, si difende bene nel tratto più critico e scatena la sua velocità nello schuss finale, chiudendo in 1.31.53 con 23/100 di margine sul francese Adrien Theaux (al primo podio stagionale in Coppa dopo il bronzo mondiale) e  27/100 su un Kjetil Jansrud riapparso ad altissimi livelli. Il norvegese lascia fuori dal podio Carlo Janka (+0.45) e Alexis Pinturault (+0.51).

Ottima sesta piazza per Matteo Marsaglia, che centra così il miglior risultato da due anni a questa parte: una sbavatura poco prima del secondo intermedio gli fa perdere probabilmente un paio di decimi, ma in ogni caso la prestazione del romano dell’Esercito, al traguardo con 66/100 di distacco, è assolutamente positiva.
Brillante la partenza di Dominik Paris, che però patisce particolarmente quei passaggi, a metà gara, davvero molto chiusi: nel settore finale non riesce poi a fare velocità, dovendosi dunque accontentare di un insipido quattordicesimo posto. Anche Peter Fill fatica a digerire le maglie ristrette del tracciato e non può così confermare la brillante performance di ieri: 26^ posizione per lui, preceduto di poco da un Mattia Casse più brillante nella parte iniziale, ma comunque in grado di ottenere punti importanti.. Per Werner Heel la gara gira male sin dai primi passaggi, dove i continui arretramenti gli fanno correre rischi notevoli: un errore di linea ancora più grave compromette la sua prestazione, confinandolo fuori dalla zona punti, così come il debuttante Matteo De Vettori e Siegmar Klotz.

Per restare aggiornato sul mondo della montagna, visita La GrandeNeve, anche su Facebook

foto: pagina Facebook Mikaela Shiffrin

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

marco.regazzoni@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

scroll to top