Moto Gp, test Sepang 2015: Marquez il più forte, le Yamaha subito dietro

Lorenzo-MotoGP-Libera-a-fini-editoriali.jpg

I test Moto Gp di Sepang appena conclusi hanno dato delle risposte importanti, sia per quanto riguarda la lotta per la vittoria finale del titolo che per quanto riguarda la crescita degli italiani. 

Marc Marquez, dopo essere stato a guardare nel day 1 , nei successivi due giorni ha dimostrato di essere ancora nettamente il più forte, riuscendo a mettere tutti dietro la sua Honda e continuando il percorso di crescita per portare la proprio moto ancora una volta davanti a tutte le altre. Molto più in difficoltà il suo compagno di squadra Dani Pedrosa, il quale in nessuno dei tre giorni ha impressionato dal punto di vista cronometrico restando lontano dal 93.

Chi invece ha mostrato segni di progressi non indifferenti è la Yamaha di Valentino Rossi e Jorge Lorenzo. Il pesarese ha stupito tutti nel day 1, trovando un buon feeling con il nuovo cambio, oggetto dei maggiori controlli in questi test, per poi accusare qualche difficoltà in più nei giorni successivi, dovute anche da una condizione fisica non ottimale. Molto bene anche Lorenzo , il quale è riuscito a stare molto vicino al vertice della classifica , dando prova di essere cresciuto sia dal punto di vista fisico che dal punto di vista psicologico. Il pilota spagnolo sta lavorando duramente per cercare di non ripetere la non positiva stagione dello scorso anno. 

Altra nota positiva in vista del mondiale è la crescita della Ducati, sia Andrea Iannone che Andrea Dovizioso, sono sembrati piuttosto in palla, girando su tempi che alla vigilia difficilmente qualcuno si sarebbe aspettato. La Ducati sta lavorando molto sul ritmo gara, necessario per provare sin dalle prime uscite a restare vicino ai fantastici quattro. 

Nota negativa, anche se non completamente, è la condizione in cui l’Aprilia si sta avvicinando alla prima prova del mondiale. Voci provenienti dal team di Noale, sottolineano come lo sviluppo della moto sta procedendo secondo le tabelle di marcia. Non si può però negare che vedere Marco Melandri ultimo a più di quattro secondi da Marquez per tutti e tre i giorni preoccupa i tifosi, speranzosi di cavarsi belle soddisfazioni sin dal primo anno. 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

 

enrico.giorgi@olimpiazzurra.com

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top