Combinata nordica, Alessandro Pittin: “Sapevo che era la giornata giusta”

Alessandro-Pittin-Combinata-nordica-Pagina-FB-Pittin.jpg

Alessandro Pittin è l’uomo della storia per la combinata nordica italiana. Lui aveva conquistato la prima medaglia olimpica con il bronzo a Vancouver 2010. Ancora lui aveva festeggiato il primo successo azzurro in Coppa del Mondo (nel 2012 a Chaux-Neuve). E oggi, neanche a dirlo, ha regalato al Bel Paese la prima medaglia di sempre in un Mondiale. Un argento sensazionale, costruito con la solita, inarrestabile rimonta nello sci di fondo.

Di seguito le dichiarazioni del 25enne di Cercivento rilasciate alla Fisi: “Dopo il salto ho sentito che sarebbe stata la giornata giusta: ho fatto tre giri a grande velocità, poi ho rifiatato un attimo ma non ho potuto aspettare troppo perché altrimenti il gruppo mi avrebbe rimontato. Sapevo che Rydzek mi sarebbe passato davanti nel finale, ma partendo sull’ultima salita la medaglia sarebbe stata certa. Ho fatto il salto migliore della mia stagione e con questa medaglia chiudo un periodo negativo che si era aperto tre anni fa, quando mi feci male alla spalla. La giornata è stata stressante a causa dei continui rinvii, ma sono contento di come ho saputo rimanere concentrato e mantenere la testa giusta per andare a medaglia“.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Pagina FB Pittin

federico.militello@olimpiazzurra.com

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top