Slittino, Coppa del Mondo: Fischnaller vs Loch, la sfida continua a Lake Placid

Dominik-Fischnaller-Slittino-Pagina-Fb-Fisi.jpg

La grande sfida tra il tedesco Felix Loch e l’italiano Dominik Fischnaller è appena cominciata. Se il primo atto stagionale (con annessa sprint) ha visto imporsi il bi-campione olimpico teutonico, il 21enne di Maranza proverà a mutare l’esito finale nella seconda tappa di Coppa del Mondo a Lake Placid. Il budello americano è favorevole per la nazionale azzurra. Qui si gareggiò l’ultima volta nel febbraio 2013 e fu un’apoteosi per il Bel Paese. Una tripletta storica che vide Armin Zoeggeler imporsi davanti a Fischnaller e David Mair. A quella competizione Loch non prese parte, ma il resto della squadra tedesca (David Moeller ed Andi Langenhan compreso) colò a picco.
Si tratta di un catino tra i più complessi e tecnici dell’intero panorama mondiale, dove la fase di spinta porta vantaggi pressoché ininfluenti per il risultato conclusivo. Su questa pista emergono solo gli slittinisti più sensibili.
Fischnaller, oltretutto sempre tra i più veloci nelle discese di allenamento disputate in questi giorni, punta senza mezzi termini al successo pieno. Attenzione però a sottovalutare Loch, detentore del record del tracciato (51″939 risalente 2009). Il campione del mondo in carica dovrà comunque sfatare un tabù: nella sua carriera non è mai riuscito a vincere una prova di Coppa del Mondo negli Stati Uniti (anche se colse l’oro iridato nel 2009 proprio a Lake Placid).
Atteso ad una conferma anche il giovane Kevin Fischnaller, reduce dal primo podio in carriera nella sprint di Igls. In prova (i cui risultati vanno sempre presi con le molle) l’altoatesino non ha brillato, avendo fatto peggio anche di Emanuel Rieder e di un Mair che ha confermato il feeling con il catino nord-americano.

Dopo la quinta piazza al debutto, i 20enni Florian Gruber e Simon Kainzwaldner vogliono confermare quanto di buono fatto vedere in Austria: si tratta di un banco di prova significativo per i due emergenti azzurrini, chiamati a dimostrare il proprio valore su una pista davvero esigente e dove l’esperienza riveste un ruolo fondamentale. Quest’ultimo fattore non difetta invece ai veterani Christian Oberstolz e Patrick Gruber, tra i più rapidi nei test di questi giorni. Attesi al riscatto, invece, Ludwig Rieder e Patrick Rastner.

Sandra Robatscher ed Andrea Voetter, infine, inseguono un piazzamento tra le prime 15 nel singolo femminile. Con ogni probabilità la migliore delle due altoatesine verrà schierata nel team-event di sabato, il primo della stagione.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

federico.militello@olimpiazzurra.com

Foto: Pagina Fb FISI

 

Lascia un commento

Top