Skeleton, Coppa del Mondo: fratelli Dukurs indomabili, primo successo per Vathje

16A8106-e1481733807321.jpg

Si è conclusa sul catino di Calgary la stagione internazionale dello skeleton. Nell’ultima prova di Coppa del Mondo, in Canada, conferme al maschile, mentre a causa dell’assenza della super-favorita, tra le donne si rimescolano le carte.

E’ la Coppa del Mondo dei Dukurs. Almeno per ora. Due gare nordamericane, due successi e quattro podi per i fratelli lettoni, che hanno chiuso sia a Lake Placid che a Calgary al primo e al secondo posto. Martins assolutamente il protagonista principale: nessuno si riesce ad avvicinare al fenomenale baltico, sempre in testa sin dalla fase di spinta. In attesa del ritorno del campione olimpico Tretiakov, dire che la Coppa del Mondo è già quasi ipotecata, non è assolutamente esagerato. La vera sorpresa del week-end è asiatica: primo podio nel massimo circuito internazionale per il coreano Sungbin Yun che con due grandi run è riuscito a chiudere al terzo posto alle spalle dei Dukurs. Questo risultato sta a sottolineare il gran lavoro che la Federazione coreana sta svolgendo in vista delle Olimpiadi casalinghe di Pyeongchang. Ancora bene i tedeschi: Groother e Jungk quarto e quinto. Delude invece Matthew Antoine, bronzo olimpico a Sochi, solo sesto.

Tra le donne sfrutta l’assenza della campionessa olimpica Elizabeth Yarnold, a causa di problemi fisici, la canadese Elisabeth Vathje. Già protagonista a Lake Placid, dove aveva concluso la prova in seconda posizione alle spalle della britannica, la canadese primeggia sul budello casalingo, conquistando anche la vetta della classifica. Molti nomi nuovi sul podio, a testimonianza che in questa stagione sono del tutto cambiati i valori in gioco: seconda la britannica Laura Deas, che ha costruito la sua prova quasi interamente nella fase di spinta, terza la tedesca Tina Hermann. Fuori dal podio per pochi centesimi, appaiate al quarto posto, l’altra teutonica Greibel e la campionessa europea Flock. Sempre più in crisi l’esperta Anja Huber Selbach.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Ken Childs

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top