Sci alpino: ad Are Fenninger favorita in gigante

fenninger.jpg

Come da pronostico, Anna Fenninger è lì, seconda in classifica generale e assolutamente in lizza per giocarsi, assieme alle varie Maze, Zettel, Shiffrin, Gut e perché no Vonn, la propria seconda Coppa del Mondo assoluta. Il gigante di Are, poi, sembra fatto su misura per lei.

La campionessa austriaca sarà infatti la favorita d’obbligo per la gara di venerdì, perché con la pista Olympia, relativamente facile per i ragazzi ma abbastanza impegnativa per le ragazze, ha un feeling particolare: nella scorsa primavera, qui realizzò la doppietta decisiva per assicurarsi la sfera di cristallo, precedendo in un caso Anemone Marmottan e nell’altro Viktoria Rebensburg. Ovviamente il manto nevoso che le atlete troveranno sotto gli sci nel weekend potrebbe essere diverso da quello tardo-invernale di marzo, ma in ogni caso la Fenninger resta la favorita numero uno per il gigante, anche se sarà interessante vedere come reagirà Eva-Maria Brem alla prima vittoria della carriera, senza trascurare le “solite” Zettel, Maze, Rebensburg…

E senza trascurare Federica Brignone, finalmente tornata sul podio proprio in Colorado. Ad Are, nella doppietta della Fenninger, l’Italia sfoderò una bella prestazione complessiva: il secondo gigante vide infatti al sesto posto Manuela Moelgg, al settimo la valdostana e all’ottavo Nadia Fanchini, con altre quattro atlete in zona punti. Una prestazione simile a quella sfornata ad Aspen l’altra settimana, che testimonia una volta di più il valore non solo di Federica, ma di tutto l’organico a disposizione di Livio Magoni, chiamato a confermarsi quindi anche in Svezia.

E in slalom? Quando si parla di slalom, il nome obbligato è sempre Mikaela Shiffrin, ovviamente non trascurabile nemmeno tra le porte larghe, anzi. La Shiffrin di Aspen, tuttavia, al pari di quella di Levi è sembrata abbondantemente sotto i propri standard: sarà riuscita a recuperare lo smalto migliore in queste due settimane? Altrimenti, ci potrebbero essere ampi margini per un’affermazione della sempre presente squadre svedese, di Tina Maze o di una Nicole Hosp clamorosamente ritornata alla vittoria. Dal punto di vista tricolore, l’obiettivo è far fare un passo in più a Chiara Costazza, portandola nella top ten e qualificando alla seconda manche magari un altro paio di atlete. Di più, per il momento e anche per l’immediato futuro, non sarà possibile.

Per restare aggiornato sul mondo della montagna, visita La GrandeNeve, anche su Facebook

foto: pagina Facebook Anna Fenninger

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

marco.regazzoni@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

Top